Il Museo Nazionale Iraniano è una meta imperdibile durante la vostra vacanza nella bella città di Teheran: sarà il modo migliore per avvicinarsi alla cultura e alla storia della città di cui siete ospiti. Durante la visita a questa spettacolare struttura verrete condotti alla scoperta della straordinaria storia dell’antico Impero Persiano.

L’edificio fu commissionate all’architetto nel 1929, a seguito di significativi ritrovamenti avvenuti durante degli scavi archeologici eseguiti da alcune missioni europee. La costruzione del Museo Nazionale Iraniano fu ultimata nel 1936 e la struttura fu inaugurata l’anno successivo.

Lo scopo principale, con il quale è stato istituito il museo, è quello di far conoscere al mondo e alle generazioni future il grande e preziosissimo patrimonio artistico e culturale dell’antica Persia.

Il Museo Nazionale Iraniano vi piacerà, non solo per lo splendore degli oggetti custoditi, ma anche per le dimensioni delle esposizioni che, non essendo troppo grandi, non stancano e non richiedono tantissimo tempo per la visita. Inoltre, la sistemazione degli oggetti esposti, proposti in ordine cronologico, aiuta la comprensione dei reperti e degli eventi raccontati.

DSCN6293
Le preziose ceramiche esposte al museo

Descrizione

Il museo ha una superficie espositiva di 20.000 metri quadrati e al suo interno sono conservati circa 300.000 oggetti. Il museo è ospitato all’interno di un bel palazzo, realizzato in stile sasanide, dall’architetto André Godard.

Gli oggetti conservati al Museo Nazionale ripercorrono tutta la storia del paese, dall´età preistorica alla dinastia Qajar e sono disposti in due sezioni: preislamica e islamica.

Nella sezione preistorica potrete vede oggetti di grande valore ritrovati negli scavi archeologici locali, tra cui splendide ceramiche risalenti all’anno 3000 a.C., opere provenienti dalla provincia di Gilan e risalenti al 1000 a.C. e suggestive pietre nere dell’età elamita, che venivano utilizzate per indicare i confini dei  regni.

Tra gli oggetti più belli e preziosi conservati nel museo vedrete la finestra di vetro più antica nel mondo, datata 1160 a.C. Sicuramente, piccoli e grandi rimarranno a bocca aperta nel vedere la suggestiva mummia chiamata Marde Namaki, che significa uomo di sale. L’appellativo le fu dato perché venne rinvenuta all’interno di una miniera di sale nella provincia di Zajan.

Un altro reperto di estremo valore è l´arciere di Susa, realizzato in ceramica policroma e risalente al V secolo a.C.

DSCN6350 - Copia
Una delle opere zoomorfe in pietra

La sezione islamica, aperta in epoca più recente, nel 1996, è ospitata in un fabbricato che sorge affianco alla sezione preislamica; il fabbricato venne realizzato dopo la Rivoluzione islamica dell’Iran.

Tra gli oggetti più preziosi vi è un Corano, scritto su pelle di cervo, il più antico di una importante collezione di testi sacri islamici che sono esposti attorno alla ricostruzione di una moschea.

Il primo piano del palazzo è dedicato alle esposizioni di oggetti di epoca contemporanea, mentre al secondo potrete vedere una mostra sull’uso degli oggetti legati all’Islam. Al terzo ed ultimo piano sono conservati oggetti d´arte islamica dal VII al XIX secolo.

Indicazioni utili

Indirizzo: 30 Tir Ave, Emam Khomeini Ave, Tehran

Indirizzo web: http://www.nationalmuseumofiran.ir/

Orario di apertura: chiuso il lunedì, Dal 21 marzo al 22 settembre: 9:00-18:00; Dal 23 settembre al 20 marzo: 9:00-17:00