Nel bosco del Chapultepec – che prende il nome dall’omonimo monte situato ad ovest della città – si trova il Museo Nazionale di Antropologia di Città del Messico.

All’interno del complesso museale, che si sviluppa su una superficie di 79700 metri quadrati – 44 mila dei quali coperti, mentre i restanti 35700 sono occupati dalle aree esterne -, trovano posto più di 20 sale, le quali custodiscono la collezione più grande a livello mondiale di arte precolombiana delle civiltà Maya, Azteca, Teotihuacana, Olmeca, Tolteca, Zapoteca e Mixteca, tutti popoli che hanno abitato il territorio messicano nel corso dei secoli; inoltre, al piano superiore del museo trovano posto numerosi reperti che testimoniano e raccontano la vita e la storia dei popoli indigeni al giorno d’oggi.

Il Museo Nazionale di Antropologia di Città del Messico si occupa, quindi, della diffusione della cultura precolombiana e di quella degli attuali popoli indigeni tra la popolazione messicana e non, e lo fa non solo attraverso l’esposizione dei reperti, ma anche organizzando visite guidate e conferenze che permettono ai visitatori di avvicinarsi a tutto ciò che riguarda l’antropologia del Messico.

Obiettivo del museo è quello di effettuare un’opera di catalogazione, conservazione e restauro delle collezioni etnografiche e archeologiche presenti sul territorio contribuendo, grazie a lavori di ricerca e alla pubblicazione dei numerosissimi studi effettuati, all’arricchimento del Messico dal punto di vista culturale.

Museo Nazionale di Antropologia a Città del Messico
L’ingresso del Museo Nazionale di Antropologia a Città del Messico

Cosa vedere

Nelle 23 sale tematiche si racconta la storia di tutte le civiltà che hanno popolato – o popolano tuttora – il territorio messicano, mentre nei giardini del Museo Nazionale di Antropologia sono collocate diverse riproduzioni di sculture provenienti da zone archeologiche di altri Stati, quali Chiapas, Oaxaca o Yucatán.

L’attrazione principale del Museo Nazionale di Antropologia di Città del Messico è, però, la Piedra del Sol: questo monolite, che pesa ben 25 tonnellate, risale al XV secolo e fu ritrovato nell’area dell’attuale Zócalo (Plaza de la Constitucion); viene spesso chiamato, erroneamente, ‘calendario atzeco’. Altre opere di grande interesse custodite all’interno del museo sono una ricostruzione di una tomba maya e una copia del pennacchio di Montezuma.

patio-museo-antropologia-citta-messico
Il patio del museo

La costruzione dell’edificio che attualmente ospita il Museo Nazionale di Antropologia di Città del Messico fu iniziata nel febbraio del 1963 e, seguendo il progetto dell’architetto Pedro Ramirez Vazquez – il quale venne assistito dagli architetti Ragael Mijares e Jorge Campuzano -, fu terminata il 17 settembre dell’anno successivo, data in cui venne ufficialmente inaugurato dal presidente Adolfo Lopez Mateos. Sebbene a Città del Messico la realizzazione di un museo dedicato esclusivamente all’antropologia del Messico risalga solo alla seconda metà del Novecento, già a cavallo tra il Settecento e l’Ottocento era nata l’idea di creare un luogo in cui raccogliere e proteggere le testimonianze artistiche e culturali nazionali.

Nel 1924 l’allora Museo Nazionale di Archeologia, Storia ed Etnografia, che nel 1910 aveva preso il posto dell’antico museo di Storia naturale della città, contava già 52 mila reperti presenti nella sua collezione; il nome attuale di Museo Nazionale di Antropologia, invece, si deve al 1940, quando le collezioni di storia del Museo Nazionale di Archeologia, Storia ed Etnografia vennero trasferite nel castello di Chapultepec.

museo-nazionale-antropologia-citta-messico
La struttura del Museo Nazionale di Antropologia

Come arrivare

A piedi

Dalla stazione degli autobus dell’UNAM (Universidad Nacional Autónoma de México) è possibile raggiungere il Museo Nazionale di Antropologia in poco più di 10 minuti di camminata. Dalla Campus Bus Station procedete in direzione nord verso l’Auditorio Nacional, girate a destra in Paseo de la Reforma e proseguite sullo stesso fino a svoltare a sinistra in Grutas; svoltate nuovamente a sinistra e vi troverete dinnanzi al Museo Nazionale di Antropologia.

In metropolitana

Prendendo la linea 7 della metropolitana scendete alla fermata Auditorium e da qui proseguite a piedi percorrendo prima Paseo de la Reforma, poi Grutas e, così, raggiungerete il Museo Nazionale di Antropologia.

Orari e tariffe

Orari: martedì-domenica h.9.00-19.00; chiuso il lunedì.
Prezzi: costo biglietto intero 59 pesos messicani (circa 3,30€), ingresso gratuito per minori di 13 anni, anziani, studenti, professori e portatori d’handicap. Ingresso gratuito per messicani e stranieri residenti in Messico tutte le domeniche.

Contatti

Sito web: bit.ly/1aSnudN
Telefono: +52 55 4040 5300
Indirizzo: Av Paseo de la Reforma y Calzada Gandhi S/N, Chapultepec Polanco, Miguel Hidalgo – 11560 Città del Messico