Il Museo Irpino è il polo museale più importante del capoluogo irpino, ed è costituito dal Museo Archeologico in Corso Europa e dalla sede in Piazza de Marsico, nell’ex-carcere borbonico, che ospita la Pinacoteca Provinciale e il Museo del Risorgimento.

Il Museo Irpino è suddiviso in tre collezioni: quella archeologica, del Museo in Corso Europa, quella storica e quella artistica, entrambe collocate nella sede di Piazza De Marsico.

Collezioni del Museo Irpino

La collezione archeologica

Il Museo Archeologico che, come detto, è in Corso Europa, è situato in un palazzo in stile neo-razionalista, progettato dall’architetto Francesco Fariello; in età borbonica, quest’area era occupata dall’Orto Botanico, come testimoniato dalla ricchezza dei giardini circostanti; il Museo occupa il piano terra della struttura, estendendosi per una superficie di circa 2000 metri quadri.

Il Museo Archeologico nacque nella seconda metà dell’Ottocento, dopo la donazione da parte di Giuseppe Zigarelli al Comune di Avellino della sua collezione di antichità. Col passare degli anni, il Museo si arricchì di nuovi reperti, grazie ai numerosi scavi condotti in territorio irpino, diventando punto di riferimento imprescindibile per gli amanti dell’archeologia che volessero incrementare le loro conoscenze su questa ricchissima area. L’arco temporale ‘coperto’ dal Museo Archeologico va dall’età preistorica fino alla tarda età romana, ed è divisa in nove sale, secondo un criterio cronologico e geografico.

museo-irpino-archeologico-avellino
I reperti custoditi all’interno del Museo Archeologico

La collezione storica

La sezione risorgimentale del Museo Irpino nacque nel 1970 grazie al prof. Fausto Grimaldi, che raccolse una gran mole di materiale documentario che va dal 1799 al 1915. Questo materiale fu ospitato nella sede di Corso Europa fino a quando, verso la fine degli anni ’90, queste sale furono riconvertite per ospitare la Mediateca Provinciale, spostando i documenti nei depositi.

In occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, si decise di inaugurare la nuova sede dell’ex-carcere borbonico, dove si trovano tuttora i circa 330 reperti conservati, che consiste per la maggior parte in materiale documentario, appunto, ma anche in oggetti, uniformi, armi etc. utilizzati dai patrioti. Proveniente da quattro archivi principali (Barra, Capozzi, Trevisani e Pironti), i documenti sono di proprietà della Biblioteca Provinciale di Avellino.

La collezione artistica

La Pinacoteca dell’ex-carcere borbonico è specializzata nella pittura campana, soprattutto nel periodo tra il XIX e il XX secolo. La collezione, frutto di donazioni ma anche di acquisti da parte del Comune, è divisa in quattro sezioni:

  • una dedicata ai pittori irpini (ad esempio Michele Lenzi, Angelo e Vincenzo Volpe e Alfonso Grassi);
  • la seconda dedicata ad Achille Martelli, pittore calabro ma irpino ‘di adozione’;
  • la terza dedicata alla pittura napoletana, coi rappresentanti della “Scuola di Posillipo”;
  • l’ultima è riservata invece alla ritrattistica, con esponenti come Giuseppe De Nittis, Gioacchino Toma e Domenico Morelli.
ex-carcere-borbonico-museo-irpino-avellino
L’ex-carcere borbonico, sede del Museo del Risorgimento e della Pinacoteca Provinciale

Come arrivare

Corso Europa (Museo Archeologico)

A piedi: la sede di Corso Europa del Museo Irpino si trova a poco più di 3 chilometri dalla stazione ferroviaria. Per arrivarci, usciti dalla stazione dovrete imboccare via Francesco Tedesco sulla vostra sinistra, per poi proseguire su Corso Umberto I; all’incrocio con Via Nappi, imboccate questa strada per poi arrivare a Piazza della Libertà (in modo da avere la piazza sulla vostra destra); imboccate, quindi, Via Francesco De Sanctis e proseguite su questa strada, svoltando leggermente a destra dopo circa 200 metri; dopo una cinquantina di metri, la strada diventa Corso Europa: dopo circa 500 metri, troverete il Museo Archeologico sulla vostra sinistra.

In bus: dalla stazione, vi consigliamo di prendere i bus che fermano direttamente in Corso Europa (linee 1 e 2); pochi metri, e sarete al Museo Archeologico, la sede di Corso Europa del Museo Irpino.

In auto: partendo dalla stazione, potrete arrivare al Museo Archeologico attraversando Via Francesco Tedesco fino ad arrivare su Corso Umberto I; svoltate a sinistra su Via Sant’Antonio Abate e proseguite su quella che, dopo un centinaio di metri, diventa Via S. Leonardo, poi Via Giuseppe De Conciliis e infine Strada Quattro Grana; girate poi a destra su Strada Comunale Bosco dei Preti Zigarelli e, alla rotonda che troverete dopo circa 1 chilometro, svoltate a destra; alla seconda rotonda che incontrerete, imboccate Via Zigarelli e proseguite per altri 350 metri; all’incrocio con Corso Europa, girate a sinistra e proseguite per circa 300 metri; il Museo Archeologico è sulla vostra sinistra.

museo-irpino-risorgimento-avellino
Il Museo del Risorgimento nell’ex carcere borbonico

Ex-carcere borbonico (Pinacoteca Provinciale e Museo del Risorgimento)

A piedi: la sede di Piazza de Marsico del Museo Irpino si trova a meno di 3 chilometri dalla stazione ferroviaria. Per arrivarci, usciti dalla stazione dovrete imboccare via Francesco Tedesco sulla vostra sinistra, per poi proseguire su Corso Umberto I; all’incrocio con Via Nappi, imboccate questa strada per poi arrivare a Piazza della Libertà (in modo da avere la piazza sulla vostra sinistra); girate a destra su Corso Giuseppe Garibaldi e poi subito a sinistra su Via Partenio, che dopo circa 200 metri diventa Via Campane; all’incrocio con Via Circumvallazione, girate a sinistra, e dopo una settantina di metri vi troverete di fronte il Museo Irpino.

In bus: dalla stazione, vi consigliamo di prendere i bus che fermano in Via Circumvallazione (linee 1 e 2), e di lì andare verso Piazza De Marsico: pochi metri e arriverete al Museo Irpino.

In auto: per arrivare al Museo Irpino dalla stazione, dovrete percorrere Via Francesco Tedesco fino ad arrivare all’incrocio con Via Circumvallazione, sulla vostra destra; proseguite per questa via per circa 1,5 chilometri; poi, proseguite obbligatoriamente per Via Francesco Guarini, girando a sinistra alla prima disponibile (sempre su Via Guarini); incrocerete Via Campane, ma proseguite e svoltate a sinistra su Piazza d’Armi; vi troverete Piazza De Marsico sulla vostra destra: il Museo Irpino è proprio qui.

Orari e tariffe

Orari di apertura

Museo del Risorgimento/Carcere Borbonico: da lunedì a venerdì h. 9-13, martedì e giovedì anche h. 15-17.15;
Museo Archeologico: visitabile solo su prenotazione

Prezzi

L’ingresso è gratuito.

Contatti

Sito web: museoirpino.culturalspot.org (visita virtuale)
Mail: fpetroccione@provincia.avellino.it
Tel.: 0825-790709 (Museo del Risorgimento / ex-carcere borbonico)
Indirizzi: Piazza de Marsico (Museo del Risorgimento/ex-carcere borbonico); Corso Europa, 251 (Museo Archeologico)