Ci siamo: siete arrivati nella terra degli zar, approdando addirittura nella sua capitale. Poco importa come ci siate arrivati, ora è necessario capire come muoversi sul territorio di Mosca, una metropoli che copre circa 2550 km quadrati di territorio. Uno dei modi migliori per spostarsi da una parte all’altra della città, a meno che non abbiate intenzione di noleggiare voi stessi un mezzo di trasporto, è usufruire dell’ottima rete ferroviaria metropolitana messa a disposizione di chiunque vi transiti.

Sebbene vi siano metropolitane molto più estese, cionondimeno quella di Mosca è la più frequentata in tutta Europa per numero di passeggeri, tant’è che in una normale giornata lavorativa il traffico è stimato tra gli 8 ed i 9 milioni di persone tra coloro che usufruiscono dei suoi servizi. Questo la rende, a conti fatti, la seconda metropolitana più trafficata al mondo, immediatamente dopo quella di Tokyo.

Nel traffico della metro, la luce vi attende in cima alle scale...mobili. Ma anche il sotterraneo è ben illuminato
Nel traffico della metro, la luce vi attende in cima alle scale…mobili. Ma anche il sotterraneo è ben illuminato

La storia

La metropolitana di Mosca ha ormai alle spalle una lunga storia, essendo stata inaugurata nel 1935, con la tratta Sokol’nikiPark Kultury, che prevedeva anche una diramazione per la Smolenskaja. Successivamente questa stessa diramazione divenne la linea Arbatskaja, quando nel 1937 la ampliarono fino a farle raggiungere la Kievskaja, passando attraverso un ponte lungo la Moscova.

Vennero poi ampliata ulteriormente con l’avvento di altre due linee, entrambe costruite nel 1938: a Marzo l’Arbatskaja fu prolungata fino alla stazione di Kurskaja, mentre nel Settembre dello stesso anno venne aperta la linea Gor’skogoZamoskvoreckaja. Nel corso della seconda guerra mondiale la metropolitana di Mosca venne espansa ancora, con la creazione dei tratti Teatral’najaAvtozavodskaja e KurskajaIzmajlovskij Park.

A conflitto terminato, cominciarono i lavori per una quarta fase d’espansione, con la costruzione della parte sotterranea dell’Arbatskaja e la creazione della linea Kol’cevaja, per completare la quale furono necessarie diverse variazioni rispetto al progetto originale. Questa linea fu definitivamente completata nel 1954, mentre negli anni della guerra fredda furono introdotte ulteriori modifiche all’Arbatskaja: durante quel periodo vennero infatti costruite le sue parti più profonde, con le stazioni che avrebbero dovuto fungere anche da rifugio antiatomico nel caso di un attacco da parte degli Stati Uniti.

La metropolitana di Mosca non cura solo la funzionalità, ma anche l'estetica, come si può ben notare dai suoi interni
La metropolitana di Mosca non cura solo la funzionalità, ma anche l’estetica, come si può ben notare dai suoi interni

Dopo la conclusione di questi lavori, la parte in superficie della stessa linea venne chiusa al pubblico per cinque anni, dal 1953 al 1958, venendo poi riaperta come nuova parte della linea Filevskaja.

In tempi recenti la metropolitana di Mosca è stata anche teatro di un sanguinoso attentato terroristico, quando due donne kamikaze si fecero esplodere lungo la linea Sokol’niceskaja: la prima alle 7:56 del mattino nella stazione di Lubjanka, mentre la seconda alle 8:39 (nemmeno un’ora dopo) alla stazione di Park Kultury. I due attentati (attribuiti ai movimenti dei ribelli musulmani del Caucaso settentrionale, comprendente la cecenia) hanno mietuto in totale 41 vittime, ferendo anche un centinaio di persone (molte delle quali in maniera grave, tanto che per 88 di loro fu necessario il ricovero ospedaliero).

Ad oggi la metropolitana di Mosca comprende 321 km di binari, divisi in 12 linee e ben 192 stazioni, ed ogni singola linea è identificata da un numero. In particolare la linea 5 – Kol’cevaja interseca, in un tratto circolare lungo circa 20 km, tutte le altre linee della metropolitana moscovita, con le sole esclusioni di Kachovskaja e Butovskaja.

Anche l'arte trova spazio all'interno della metro moscovita, questo è solo uno dei tanti esempi
Anche l’arte trova spazio all’interno della metro moscovita, questo è solo uno dei tanti esempi

Un particolare interessante, facente parte di quella smisurata gamma di nozioni tutto sommato non particolarmente utili di per sé, ma comunque belle da sapere, è che lungo le linee radiali gli annunci delle stazioni sono fatti da una voce maschile in caso ci si stia avvicinando al centro cittadino, mentre ad annunciare le stesse stazioni in quei treni che si allontanano dal centro in direzione delle periferie v’è una voce femminile.

Informazioni utili sulla metropolitana di Mosca

La metropolitana di Mosca è composta come già detto da 12 stazioni, ognuna contrassegnata da un numero ed un colore tutti differenti tra loro, ed utilizza lo stesso scartamento delle ferrovie della Russia. La distanza media tra le stazioni è di 1,8 km, e la velocità media dei treni è di 42 km/h. I treni che corrono lungo la metropolitana moscovita sono gli stessi utilizzati anche dalle altre città dell’ex Unione Sovietica, e di tutta l’Europa centro-orientale.

Un problema per i viaggiatori può essere rappresentato dalle indicazioni scritte in cirillico, non esattamente il massimo per chi non se la cava granché con l’idioma locale, tant’è che potrebbe risultare necessario l’aiuto di persone che conoscono il posto per riuscire ad orientarsi al meglio. Nel caso si sia sprovvisti di una guida in loco, è preferibile chiedere delucidazioni a ragazzi e ragazze russe, poiché di norma sono proprio i giovani quelli con cui si riesce a conversare in inglese.

I primi treni iniziano a correre alle 6:00 di mattina, ma le stazioni iniziano ad aprire già dalle 5:30. L’ultima corsa è invece prevista all’una di notte.

Una mappa della metro di Mosca. Serve aiuto col cirillico?
Una mappa della metro di Mosca. Serve aiuto col cirillico?

Tariffe

I biglietti fanno riferimento ad un numero ben preciso di viaggi, e non alla distanza percorsa o al numero di linee che vi vedrete costretti a cambiare. Nel caso di un lungo soggiorno nella capitale russa potrà esservi utile sapere che, come dappertutto accade, acquistando un abbonamento (mensile, trimestrale o annuale) si potrà risparmiare qualcosa rispetto all’acquisto di singoli biglietti giornalieri.

Dal 1993 sono stati introdotti i primi biglietti magnetici, la cui vendita terminò nel 2008, a favore delle più comode smart card con numeri fissi di corse. I costi dei biglietti sono di 40 rubli (circa 80 centesimi) per la singola corsa, 80 rubli in caso di andata e ritorno. I biglietti con un numero fisso di corse sono disponibili secondo le seguenti tariffe:

biglietti da 5 corse: 150 rubli (3,1 euro)

biglietti da 11 corse: 300 rubli (6,2 euro)

biglietti da 20 corse: 500 rubli (10,8 euro)

biglietti da 40 corse: 1000 rubli (20,9)

biglietti da 60 corse:  1200 rubli (25 euro)

C’è poi la possibilità di acquistare un abbonamento mensile appunto, di durata illimitata, che vi permetterà quindi di girare per un mese intero e vi costerà 2200 rubli (45 euro), con il quale potrete anche rimanere un mese intero in metropolitana se vi aggrada. Il trimestrale costa 5200 rubli (108 euro) mentre l’abbonamento annuale 17000 rubli (355 euro).

Contatti

Sito webhttp://engl.mosmetro.ru/

App smartphonehttps://itunes.apple.com/ru/app/moscow-pass/id770968002?mt=8