Manchester e Liverpool, la rinascita di due città

Cinquanta chilometri separano Manchester e Liverpoolma da sempre le due città sono state rivali, forse sin da quando, nel 1207, il re Giovanni Senzaterra decise di creare un grande porto dove a quel tempo c’era un villaggio. Le due città, che contano entrambe una popolazione pari a circa mezzo milione, mostrano segni evidenti di differenze anche nella loro strutturazione: Liverpool è stato uno dei porti più importanti del mondo fino al secolo scorso, mentre Manchester deve la sua fondazione al 79 dc, per conto del governatore romano Giulio Agricola. La Mamucium, fortezza risalente alla fine del ‘700, ebbe un ruolo importante durante la rivoluzione industriale. 

Manchester, in special modo, ha avuto la capacità di reinventarsi e di far diventare i caratteristici edifici di mattoni rossi che ospitarono fabbriche, magazzini e depositi, uno dei percorsi più interessanti da attuare per chi voglia conoscere meglio la città. La zona che porta da Piccadilly Station a Great Ancoats Street, conosciuta meglio come The Northern Quarter, e tutti i locali dove un tempo erano ubicate le officine, sono stati occupati da affascinanti studi di design, stupende gallerie d’arte e new media agencies

Sono stati costituiti spazi di accoglienza, come Eastern Bloc, un negozio di dischi, dove però, oltre ad acquistare vinili rari, è possibile prendere un caffè e fare colazione. Un altro locale interessante è O come Fig + Sparrow, che espone e vende oggetti di design frutto della fantasia e dell’abilità di alcuni artisti di Manchester e di altre città inglesi.

La zona ospita anche uno spazio, sostenuto nelle spese dall’Arts Council of England, dedicato all’arte contemporanea cinese, e il Manchester Craft & Design Centre, che affitta gli spazi a numerosi designer e artisti. Purtroppo però, la nota dolente è che i prezzi degli immobili sono diventati eccessivi in questa zona e per questo motivo molti si spostano a est del centro città.

Per ascoltare buona musica dal vivo il posto migliore è The Northern Quarter, dove hanno sede i locali di Oldham Street: qui ogni notte è possibili vedere musicisti provenienti da tutto il mondo suonare brani di band leggendarie nate a Manchester, tra cui i famosi The Smiths, Joy Division, New Order, Happy Mondays e Oasis.

Manchester offre, oltre alla passione per il calcio, anche monumenti privilegiati come la Town Hall, edificio ultimato nel 1877, in epoca vittoriana, dallo stile neo-gotico, e simbolo di una città che però non lo considera la sua principale attrazione.