Teheran è una città molto affascinante, ricca di usanze e tradizioni,  con una storia affascinante e intrisa di avvenimenti che raccontano di un passato ricco e fastoso. Di certo, durante la vostra vacanza a Teheran rimarrete colpiti dalla grande ospitalità dei suoi abitanti che, diversamente da quanto potremmo immaginare, sono molto aperti verso i turisti.

Non dovrete stupirvi se mentre passeggiate per le vie della città qualcuno vi saluta e si ferma addirittura a tentare di fare due chiacchiere, per loro è davvero tutto nella normalità.

Mentre sarete alla scoperta della città ricordate che il punto debole è il traffico; caotiche e ingestibili, le strade son sempre congestionate, perciò prestate attenzione e camminate sempre sui marciapiedi, che tra le altre cose, a Teheran sono molto ampi.

Per gli spostamenti vi consigliamo di andare a piedi, in ogni caso i servizi pubblici di trasporto non sono molto cari e possono essere utili se avete in programma lunghi tragitti. I biglietti sono in vendita nei chioschi che si trovano vicino alle fermate, ricordate che negli autobus gli uomini siedono nelle prime file e le donne in fondo.

Per quanto riguarda i pagamenti, la valuta ufficiale è il Rial, in molti locali e anche in alcune strutture ricettive, non si può pagare con la carta di credito ma sono accettati gli euro. Vi consigliamo di prestare attenzione all’abbigliamento, per gli uomini sono consigliati i pantaloni lunghi e per le donne sarebbe opportuno avere solo mani e testa in vista.

1936
Uno splendido tappeto che potrete vedere al Museo dei Tappeti

Cosa vedere a Teheran

La città offre tantissime opportunità per conoscere la sua storia, infatti ci sono molti musei in cui ammirare oggetti legati all’antica Persia, ai sovrani che regnavano prima della rivoluzione e molti altri in cui vedere oggetti splendidi, storicamente e artisticamente molto importanti.

Primo fra tutti il Museo Nazionale Iraniano che ospita due sezioni: preislamica e islamica. In questa struttura potrete ammirare alcuni dei reperti più importanti provenienti degli scavi archeologici locali. Nella sezione islamica, del Museo Nazionale Iraniano, sono conservate opere contemporanee e interessanti oggetti legati all’Islam.

Interessante anche il Museo Reza Abbasi, dedicato a questo artista dell’epoca safavide e che espone bellissime opere dalla preistoria ai tempi moderni. Non può mancare in Persia la visita al Museo dei tappeti, che espone alcuni dei manufatti più belli al mondo, tra cui il tappeto più antico qui esposto e risalente al XVI secolo. Splendidi anche i 26 tappeti che, come una sequenza di vignette, narrano la vita dello scrittore Ferdousi e del suo eroe leggendario Rostam.

Molti musei sono ospitati all’interno dello splendido complesso di Palazzo Sadabad, un tempo residenza del primo Shah della dinastia Pahlavi e, dopo la rivoluzione convertito in museo. All’interno del complesso si trova il Museo delle Belle Arti, che venne aperto nel 1980 e ospita una mostra di pittura figurativa iraniana ed alcune opere di artisti stranieri.

Saadabad Palace
Gli interni di Palazzo Sadabad

Bello anche il Museo del Vetro e delle Ceramiche, in cui il palazzo è stato adattato con cura per ospitare ceramiche molto fragili e splendidi gioielli. Imperdibile anche la sezione dedicata ai cristalli dove spiccano le preziose bottiglie di profumo e le suggestive ampolle per la conservazione delle lacrime.

A Palazzo di Mahmoud Reza si trova il Museo Etnologico che espone collezioni di attrezzi agricoli utilizzati dai nomadi e dai contadini.

Tra le esposizioni che proprio non potete perdervi, sicuramente ci sono i preziosissimi oggetti in mostra al Museo Nazionale dei Gioielli. Questa particolare mostra è ospitata in un’enorme cassaforte all’interno della Banca Centrale. Tra le tiare, le corone e i tantissimi gioielli spicca lo splendido Darya-e Nour, un diamante rosa da 182 carati.

Tra le costruzioni convertite in museo, molto bello è anche il Palazzo-Museo Sahebqharanyyeh, che fu costruito nel XIX secolo dai Qaja e oggi si presenta perfettamente conservato. Al suo interno potrete visitare le stanze, tra cui il lussuosissimo Salone degli Specchi, che vi faranno, ancora una volta, capire lo sfarzo e la raffinatezza in cui vivevano i monarchi qajar.

Tra i musei dedicati all’arte, ricordiamo il Museo d’Arte Contemporanea, in cui è bello ammirare anche la struttura architettonica molto originale che è una perfetta fusione tra particolari moderni e inserti tipici della cultura iraniana. Nel museo sono esposte molte opere di fotografia e pittura moderna.

Infine, particolarmente affascinante è il Museo delle arti decorative dove potrete vedere oggetti finemente lavorati: mosaici, prodotti tessili, cristalli.

Il più antico monumento di Teheran è Palazzo Golestan che è un complesso di edifici reali che sorgono nel cuore della città vecchia di Teheran e in cui oggi sono ospitati alcuni musei di grande interesse, tra cui il Museo della fotografia, l’unico di tutto il paese.

Fra tutte le architetture, Torre Azadi, che significa Torre della libertà, è sicuramente la più nota di Teheran. Avrete visto questa struttura in tantissime immagini, dato che è il simbolo indiscusso della città. La torre fu costruita nel 1971 in occasione del 2500° anniversario delle monarchie persiane. La torre è alta 45 metri e i suoi muri sono ricoperti di pietra bianca di Isfahan. All’interno della torre potrete visitare un piccolo museo di archeologia, ma la cosa più bella è affacciarsi alle terrazze e ammirare la città da una prospettiva tutta diversa.

palazzo-golestan-teheran-iran
Palazzo Golestan

Luoghi di culto di Teheran

Tra i luoghi di culto più belli in città, la Moschea dell’Imam Khomeini è un prezioso esempio d’architettura iraniana. La moschea risale al 1808 e possiede la caratteristica struttura della moschea persiana. Interessante anche la Moschea di Shahid Motahari su cui spiccano otto minareti ricoperti di piastrelle.

Il luogo di culto più antico a Teheran è la Chiesa di San Taddeo, che si trova al centro della città vecchia. Questa chiesa fu costruita a cavallo tra il 1700 ed il 1800, durante il periodo qajar di Fath Ali.

Di origini molto più moderne è la Chiesa di San Sarkis, la cattedrale armena. Si tratta di un edificio di grandi dimensioni tutto in vetro e cemento; noterete come questa chiesa sia stata realizzata con elementi estranei alla tradizione architettonica iraniana.

piazza dell'imam isfahan
Moschea dell’Imam Khomeini

Cosa fare a Teheran

Se volete fare dello shopping a Teheran il posto giusto è in Valiasr Street, il famosissimo viale alberato che divide in due parti la città. Valiasr Street è la via principale di Teheran e la strada più lunga del Medio Oriente, nonché il fulcro di tantissime attività commerciali, negozi e ristoranti. Molte catene di negozi stranieri hanno sede in questo viale come, ad esempio, la nostra Benetton, Reebok e Adidas. Si affacciano su Valiasr Street molti centri commerciali, tra questi il Tandis Center e il Safavieh Mall.

Ma gli acquisti più belli li potrete al Grande Bazar, che è il luogo in cui si concentrano la maggior parte degli affari della città. Il Bazar è stato costruito alla fine del XIX secolo ed è composto da 36 bazar tematici dove il tutto è caratterizzato da un’esplosione di sapori, suoni, odori che vi lasceranno senza parole. Il Grande Bazar si estende lungo 10 km di strade dove in ciascuna si svolge un’attività diversa, perciò vedrete la strada dell’oro, quella dei tappeti e molte altre. Non preoccupatevi se vi perderete all’interno dei meandri di questo spettacolare luogo, ad ogni angolo ci sono punti di ristoro che vi aspettano con un buon the!

IMG_3943
Le spezie al Grande Bazar

Se volete organizzare una gita fuori porta vi consigliamo di fare una visita al quartiere di Darband. In epoca antica questo quartiere di Teheran era un piccolo villaggio, nei pressi di Tajrish, oggi delimita la città e da qui parte un bellissimo sentiero che si snoda in un canyon sopra Teheran. Se per un giorno volete staccarvi dalla caotica metropoli, questo è il luogo adatto in cui fare una passeggiata tranquilla e suggestiva.

Lungo la strada potrete fermarvi in uno dei tanti ristoranti abbarbicati sulle rocce o godervi un bel pic-nic vicino al ruscello. Per i vostri pasti e le vostre cene, ci sono in città tantissimi ristoranti in cui assaporare la stupenda cucina iraniana. Verrete sicuramente catturati dai profumi e dai sapori speziati delle specialità culinaria locali. Il riso, con i suoi tantissimi tipi di condimenti e il kebab, sono i piatti più diffusi. Se volete approfondire l’argomento, potrete consultare la guida Dove e cosa mangiare a Teheran.

Per gli occidentali che sono abituati a organizzare le serate in giro per la città, Teheran non è proprio il luogo in cui potersi divertire fino a tarda sera. In genere i giovani del posto trascorrono le serate a casa di amici, facendo una passeggiata o bevendo qualcosa in qualche caffè. A Teheran l’alcol è fuorilegge perciò ai tavolini dei bar potrete ordinare un caffè o un succo di frutta.

42-20485795Iran, Tehran, Azadi Tower also called Azadi Monument by architect Hossein Amanat
Torre Azadi

Soggiornare a Teheran

In città ci sono diverse strutture in cui potrete trovare un ottimo alloggio.Se cercate qualcosa di molto economico dovrete recarvi nella parte sud della città, dove i quartieri sono più poveri, ma comunque sicuri.

In città ci sono anche diverse strutture di lusso, da quattro o cinque stelle… insomma Teheran offre opportunità di alloggio un po’ per tutte le tasche. Potrete approfondire l’argomento nella guida Soggiornare a Teheran, con tanti consigli sui quartieri e le strutture più gettonate della città.

Come arrivare a Teheran

L’aeroporto internazionale di Teheran porta il nome dell‘Imam Khomeini ed è situato in prossimità dell’abitato di Soleymanabad, a circa 30 km a sud ovest di Teheran. E’ collegato alla città da un’autostrada lungo la quale passano diverse linee di autobus.