Situata a nord-ovest del Paese, Seul è a pochi chilometri dalla Zona demilitarizzata coreana, una striscia che fa da ‘cuscinetto’ tra i confini delle due Coree tra le quali, come saprete, non corre certo buon sangue.

Seul rappresenta senza dubbio il centro politico, sociale, culturale ed economico della Corea del Sud, ed è la principale ed estrema testimonianza dello sviluppo industriale ed economico (definito il ‘Miracolo del fiume Han’, dal fiume che la attraversa) dello Stato asiatico.

La città, che copre una superficie di oltre 600 chilometri quadri, presenta quasi 10 milioni di abitanti se si considera l’area urbana, mentre includendo l’area metropolitana si arriva addirittura a 25 milioni!

La città è situata nella valle di Cheonggyecheon e, poco a sud della città, scorre il già citato fiume Han, il fiume principale della Corea del Sud; una volta in visita nella città sudcoreana, capirete perché sta diventando una delle mete principali del turismo mondiale!

Soggiornare a Seul

Seul, negli ultimi anni, è diventata una delle città leader dell’industria della tecnologia e, al contempo, ha cominciato ad incuriosire sempre più i turisti occidentali, che in maniera piuttosto rapida iniziano a scegliere con sempre più frequenza Seul come meta per le proprie vacanze, e a scoprirne le meraviglie conservate da secoli e secoli di gloriosa storia.

Sono tre i quartieri più indicati per il vostro soggiorno a Seul: Hongdae, il quartiere ‘modaiolo’, Samcheongdong, che potrebbe essere definito il centro storico di Seul, ed infine la Manhattan di Seul, il quartiere Gangnam.

Per approfondire l’argomento, potrete consultare la guida Soggiornare a Seul.

Guida di Seul
Scorcio notturno di Seul

Cosa vedere a Seul

Ecco un piccolo elenco delle attrattive principali della città. Per ragioni di spazio, abbiamo però preferito inserire solo quelle che consideriamo le più rappresentative della città; ovviamente, quindi, l’elenco è tutt’altro che concluso! Vuole, piuttosto, darvi un’idea di cosa potrete trovare una volta in visita nella capitale sudcoreana.

Il Changdeokgung

Il Changdeokgung (letteralmente: “palazzo dove prospera virtù”), noto anche come palazzo di Changdeokgung o di Changdeoksi trova all’interno di un grande parco in Jongno-gu, a Seul. Si tratta di uno dei ‘Cinque Grandi Palazzi‘ costruiti dai re della dinastia Joseon (1392-1897), ed era il preferito di molti dei principi Joseon; qui sono conservati molti elementi risalenti al periodo dei Tre Regni di Corea che non sono stati inseriti nel più recente Gyeongbokgung, come il fatto che i suoi edifici si fondono con la natura, piuttosto che sovrastarla.

Come gli altri Cinque grandi palazzi di Seul, è stato pesantemente danneggiato durante l’occupazione giapponese della Corea (1910-1945): attualmente, sono conservate appena il 30% delle strutture precedenti l’occupazione. A testimonianza dell’immenso valore storico-artistico della struttura, il Changdeokgung è stato aggiunto alla lista dei patrimoni mondiali dell’Umanità dall’UNESCO, nel 1997.

changdeokgung-seul
Lo splendido edificio del Changdeokgung

Il Parco Nazionale di Bukhansan

Lo splendido Parco Nazionale di Bukhansan – anche conosciuto come Bukhansan Mountain – si trova nella parte settentrionale di Seul, ma si estende anche sulla vicina provincia di Gyeonggi-do grazie ai suoi 79,9 chilometri quadrati di superficie. Designato 15° parco nazionale dell’intera Corea nel 1983, il Parco Nazionale di Bukhansan è diviso in due grandi aree dal passo Uiryeong: a sud del passo si estende Bukhansan Mountain, mentre a nord dello stesso si apre l’area del Dobongsan Mountain.

Quello che rende eccezionale la presenza di questo grande polmone verde a Seul è forse il fatto che l’intero parco è completamente circondato da aree urbane. A differenza di moltissimi altri parchi nazionali – che si trovano quasi sempre molto lontani dalle grandi città e magari, proprio per questo motivo, sono difficilmente raggiungibili in modo comodo e veloce dai visitatori -, infatti, il Parco Nazionale di Bukhansan sorge vicinissimo a vaste aree residenziali in cui abitano oltre 20 milioni di persone.

Guida di Seul
Parco Nazionale di Bukhansan

La Seoul Tower

La N Seoul Towerufficialmente chiamata YTN Seoul Tower, e comunemente conosciuta come la Torre Namsan o, molto più semplicemente, come Seoul Tower, è una torre di comunicazione e di osservazione situata sulla montagna Namsan, in pieno centro di Seoul. Con la sua altezza di 236 metri, segna il punto più alto di Seul. Costruita nel 1971, la N Seoul Tower è la prima torre a onde radio della Corea, che permise la trasmissione del segnale TV e radio a Seul. Attualmente, fornisce i segnali per i principali media coreani, come KBS, MBC e SBS.

Dal momento della sua costruzione, la N Seoul Tower è stata un punto di riferimento della città. Misura 236,7 metri di altezza dalla base e si erge a 479,7 metri sul livello del mare. Il suo attuale nome, N Seoul Tower, le fu dato nel 2005, con la “N” sta per ‘nuova’ ‘Namsan,’ e ‘natura’. Prima, infatti, era conosciuta anche come Torre Namsan o Torre di Seul.

Guida di Seul
N Seoul Tower

L’MMCA (Museo Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea)

L’MMCA – il Museo Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Corea – è un museo di arte contemporanea che ha la sua sede principale a Gwacheon e tre sedi distaccate a Deoksugung, Seul e Cheongju. Fondato nel 1969, l’MMCA è l’unico museo d’arte nazionale del paese ad ospitare l’arte moderna e contemporanea degli artisti coreani e quella internazionale di diversi periodi storici.

L’MMCA porta avanti, inoltre, vari programmi di educazione artistica – come programmi di formazione professionale per i curatori, i dipendenti di musei, gli insegnanti d’arte e gli studenti universitari. Inoltre, nella sede principale del museo c’è anche il ‘Museo dei bambini‘, interamente dedicato agli studenti delle elementari, agli studenti disabili e a quelli provenienti dai quartieri più poveri della città; il programma di sostegno speciale per i giovani artisti ‘Residency’, infine, prevede un aiuto negli studi per i giovani artisti selezionati.

mmca-seul-gwacheon
La sede principale dell’MMCA di Seul

Il War Memorial of Korea

Aperto nel 1994 per volontà del governo di Seul, il War Memorial of Korea è il più importante sito espositivo militare della Corea del Sud, che copre una superficie di circa 20mila metri quadri e può disporre di 6 sale espositive che ospitano circa 13mila cimeli di guerra, grazie ai quali è possibile rivivere i momenti salienti dello sviluppo tecnologico e delle guerre che la Corea del Sud (e la Corea unita) hanno affrontato nel corso del secolo passato.

Teatro di tantissimi scontri e numerose invasioni, infatti, la Corea ne è sempre uscita a testa alta: obiettivo esplicito del museo è, infatti, proprio quella di voler educare le generazioni future, imparando dagli errori del passato. Inaugurato il 10 giugno del 1994, il War Memorial of Korea è diventato rapidamente il più importante museo al mondo, nel genere: per questioni storiche, la preminenza è stata data alla tragica fase che parte dalla Guerra di Corea fino ad arrivare alla Guerra in Vietnam; la visita a questo luogo, comunque, riuscirà a darvi un’idea più precisa della storia del popolo coreano: imperdibile!

war-memorial-of-korea-seul
Una sala espositiva del War emorial of Korea, Seul

Enogastronomia di Seul

Di certo, a Seul non troverete alcun problema per tutto quello che riguarda la cucina tipica. Quella coreana, infatti, è una delle cucine più conosciute e rinomate al mondo, apprezzata dai più grandi chef del pianeta e riconosciuta come tale anche dai numerosi turisti che hanno avuto la fortuna di visitarne la capitale!

La cucina coreana, pur essendo vicendevolmente influenzata da quella cinese e da quella giapponese, riesce comunque a sviluppare delle specificità tutte proprie, con sapori che la distinguono dalle pur buonissime cugine dei ‘vicini’; con questi ultimi, però, ha in comune l’uso dei bastoncini.

Fra i piatti presenti sulle tavole di Seul, vi è senza dubbio il riso al vapore, insaporito con una diversa varietà di salse, spesso anche molto piccanti, il bulgogi, delle fettine di manzo cotte direttamente a tavola su di un braciere a carbone oppure il kimchi, un apprezzatissimo mix di verdure (cavoli, cipolle e rape, principalmente) condite con aglio e pepe, e fermentate anche per diverse settimane.

Per conoscere tutte le altre specialità di Seul e i locali in cui assaporarle, potrete consultare la guida Dove e cosa mangiare a Seul.

Dove e cosa mangiare a Seul
Una specialità di Seul

Vita notturna di Seul

Tra i quartieri da elencare partiamo, innanzitutto, da Hongdae, la zona situata nei pressi dell’Università di Hongik, che viene universalmente riconosciuto come il quartiere dove si sviluppa maggiormente la vita notturna della città.

I ragazzi di Seul, però, al quartiere studentesco di Hongdae preferiscono di gran lunga quello di Apkujong, considerato il più ricco della capitale sudcoreana, anche se quello che, tradizionalmente, viene considerato il quartiere dei turisti, è invece Itaewon, che viene letteralmente preso d’assalto dagli occidentali. L’ultimo quartiere che vi citiamo è quello di Gangnam che, comunque, resta più conosciuto per la sua vita ‘diurna’ che per quella notturna.

Per approfondire l’argomento, consultate la guida Cosa fare a Seul di sera.

Guida di Seul
Panorama di Seul di sera