La provincia di Pordenone, nella regione del Friuli Venezia Giulia, sorge al confine con il Veneto, ed è un insieme bellissimo di paesaggi diversi, ricco di monumenti e luoghi d’interesse.

Diversamente dalle altre province friulane, Pordenone è meno caratterizzata da quei luoghi che potremmo definire “della memoria”, ovvero strettamente legati, per storia e per la presenza di monumenti e musei, alla prima e seconda guerra mondiale, ma l’intera provincia è ricca di siti naturalistici di grande pregio, costellati di splendidi paesaggi e paesaggi unici nel suo genere.

Pordenone-Municipio
Palazzo del Municipio

Cosa vedere

In provincia di Pordenone, all’interno dello splendido Parco delle Dolomiti Friulane, sorgono i paesini di Erto e Casso che meritano di essere visitati per la bellissima collocazione e il sapore di tradizione unico che emanano. Erto e Casso si trovano nella nota Valle del Vajont, conosciuta in tutta la nostra penisola per la tragica vicenda di cui è stata protagonista nell’ottobre del 1963. Una visita presso i luoghi del Vajont, con la tanto odiata diga, è un’ottima opportunità per immergersi nella storia del nostro paese, per capire la voglia di progresso e modernità che ha ammaliato più generazioni negli anni del grande boom economico.

IMG_5246
Vista di Erto

Dalla storia recentissima a quella ben più lontana, che potrete scoprire visitando il bellissimo sito Palafittico di Palù di Livenza. Il sito di Palù di Livenza è una grande area risorgiva posta tra i comuni di Caneva e Polcenigo, al piede della dorsale Cansiglio-Cavallo. All’interno del Parco potrete effettuare interessanti escursioni attraverso numerosi percorsi segnalati, alla scoperta di un sito naturalistico e archeologico di grandissima importanza, tanto da essere stato ufficialmente dichiarato sito UNESCO dal 27 giugno 2011.

humus3
Il sito Palafittico di Palù di Livenza

Se vi trovate in città, potrete fare una visita al Museo Civico di Storia Naturale, avrete l’opportunità di visitare il cinquecentesco Palazzo Amalteo, che lo ospita e ammirare i tantissimi reperti in esso custoditi. Il Museo conserva importanti collezioni legate alla paleontologia, alla botanica, alla malacologia e all’osteologia; tra questi i reperti provenienti dal sito Palù di Livenza.

Sempre in città, mentre state passeggiando lungo la strada centrale, che dritta l’attraversa, potreste visitare i punti più interessanti come Corso Vittorio Emanuele, che è una delle strade più importanti di Pordenone e contornata da tantissimi negozi, palazzi  imponenti e tanti splendidi esempi di architettura.

Vi consigliamo di continuare verso Corso Garibaldi, che con i suoi portici, si presenta elegante e curata. Bellissimo il Duomo di San Marco che custodisce quadri di Tintoretto e del Pordenone.

Museo-Storia-Naturale-S-ZenariPalazzo-Amalteo-818x1024
Museo Civico di Storia Naturale

Pordenone non è solo architettura e storia dell’arte, è una città ricca di verde che vi regalerà bellissime passeggiate nel Parco Fluviale del Noncello o romantici momenti al Parco San Valentino. Il parco sorge nel centro della città, tra le vie Interna, via S. Valentino e via Fontane ed occupa una superficie di 60.000 mq, un vero patrimonio “verde” di piante, alberi e specie arboree.

San Valentino 05
Parco San Valentino

Una vacanza in provincia di Pordenone deve assolutamente comprendere una piccola escursione all’Ecomuseo Lis Aganis che è formato da 26 cellule tematiche sparse per tutta la provincia, in un ampio territorio compreso tra Casso, Tramonti di sopra, Polcenigo e  Pinzano al Tagliamento: si tratta di un bel percorso diviso in tre categorie: acqua, sassi e mestieri. “Dimmelo e lo dimenticherò, fammelo vedere e lo ricorderò, lasciamelo fare e lo capirò”, questo è il motto con il quale questo sistema eco museale è stato creato, un modo molto efficace per conoscere e comprendere l’ambiente in cui state passeggiando.

COP
La mappa dell’ecomuseo Lis Aganis

Itinerari

Se siete degli amanti della bicicletta, ci sono molti itinerari, in provincia di Pordenone, che potrebbero stuzzicare la vostra voglia di inforcare la due ruote. Ad esempio partendo da Pordenone, tra una successione di strade e stradine, potreste arrivare con tranquillità a Sacile oppure, sempre dalla città, pedalando per circa 32 km e ammirando uno splendido paesaggio, potreste giungere a Maniago.

Infine, solo per citare ancora uno dei tanti itinerari, tra una serie di strade tranquille, potreste arrivare fino alla periferia di Roveredo e poi fino alla Centrale idroelettrica di Malnisio.

Come avrete capito, Pordenone è una città ricca di storia, cultura, attività e bellezze da scoprire, non vi resta altro che pensare da dove volete cominciare l’esplorazione!

img_paragrafo_pordenone
Centro di Pordenone

FVG Card

Per la vostra vacanza a Pordenone vi consigliamo di procurarvi la FVG Card, un pass che garantisce svariati servizi in tutta la regione del Friuli Venezia Giulia, con il quale avrete l’opportunità di valutare e realizzare un percorso personalizzato per voi e per i vostri compagni di viaggio, godendo di innumerevoli vantaggi.

A Pordenone, per esempio, è possibile visitare gratuitamente i musei e la Galleria d’arte Moderna e Contemporanea “Pizzinato” oppure, in provincia, visitare il Museo dei Coltelli a Maniago e scoprire la fine arte della coltelleria.

La FVG Card è una chip card che dura 48 ore, 72 ore o sette giorni dal momento in cui si usa per la prima volta. Il costo della FVG card è: 48 ore € 15.00, 72 ore € 20.00,  7 giorni € 29.00.

La card si può acquistare presso gli uffici del turismo FVG, presso gli uffici turistici comunali e nelle agenzie e consorzi turistici.

Infine, può esservi utile sapere che Pordenone è servita da una buona rete di autobus pubblici gestiti dall’azienda ATAP. Sul sito dell’azienda di trasporti potrete trovare gli orari e i collegamenti utili per gestire i vostri spostamenti.

20966
FVG Card

Eventi a Pordenone

Pordenone è una città giovane e moderna, promotrice di molti eventi culturali importanti e particolari come, ad esempio, pordenonelegge.it, una bella festa del libro con gli autori, che si tiene in settembre e le Giornate del cinema muto, ad ottobre.

Sempre in ottobre, il terzo e quarto fine settimana, a San Vito al Tagliamento si tiene la festa del Pan Zai (pane giallo), una piccola focaccia dolce a base di zucca. Si tratta di un’antica usanza che consiste nel preparare le focaccine in onore di San Luca, compatrono della cittadina.

Come arrivare a Pordenone

In auto: Autostrada A4  Venezia-Trieste, uscita Portogruaro imboccare autostrada A28 direzione Conegliano, Uscita Pordenone Centro.

In treno: La stazione ferroviaria di Pordenone si trova sulla tratta Mestre (VE)-Udine.

In aereo: gli aeroporti più vicini sono il Marco Polo che dista 80 km e FVG aeroporto regionale di Trieste che dista 80 km circa.