Malaga è una suggestiva e fervente città dell’Andalusia, Spagna, conosciuta per essere una città dalla storia antica, da numerosi monumenti di interesse e per essere sede della tanto amata “Feria di Agosto”, festa in cui le vie della città si riempiono di folla pronta a divertirsi ed in cui la città assume una personalità fortemente cosmopolita ed internazionale.

La città di Malaga venne fondata dai Fenici e nel 711 cadde sotto l’egemonia degli arabi. Nel 1236 Malaga dopo che il Califfo di Cordoba crollò, diventò un regno moresco indipendente che a sua volta venne conquistato dalle truppe cristiane di Ferdinando II nel 1487.

Malaga vanta una popolazione di 560.631 abitanti e ogni anno è meta di turisti provenienti da tutto il mondo. La città è attraversata dal fiume Guadalmedina che la scinde, la parte est è la parte più antica, sede del porto e la parte ovest è quella più moderna e di dimensioni più ridotte. Il centro di Malaga è indubbiamente caratterizzato dalla pregevole presenza di notevoli monumenti e interessanti attrazioni che la rendono una città culturalmente attiva.

Cosa vedere a Malaga

A Malaga i monumenti ed i luoghi di interesse da vedere e visitare sono numerosi. Passeggiando per le vie del cuore del suo centro storico, questa città andalusa consegna al curioso sguardo dei visitatori differenti bellezze da ammirare sia a livello architettonico che artistico come la celebre e splendida Cattedrale, il fornito Museo Picasso, la Fortezza dell’Alcazaba, residenza dei sovrani arabi e il Museo di Malaga.

Cattedrale di Malaga

La Cattedrale di Malaga, chiamata in spagnolo Catedral de la Encarnation de Malaga, è la chiesa simbolo della città nonché uno dei principali e dei più importanti monumenti rinascimentali dell’intera Andalusia. La Cattedrale di Malaga svetta nel centro storico della città, non molto distante dal porto e nel 1855 venne battezzata Basilica minore. Nonostante la sua monumentale ed ‘ingombrante’ presenza, la Cattedrale di Malaga risulta essere incompiuta e ciò è visibile nella torre campanaria meridionale.

Data l’incompiutezza della Cattedrale, la chiesa viene affettuosamente chiamata dagli abitanti di Malaga con il simpatico appellativo di Manquita ovvero monchetta. La Cattedrale nasce e respira sul sito in cui un tempo si trovava un’antica moschea; i lavori di costruzione della Cattedrale di Malaga iniziarono nel 1528 ad opera degli architetti spagnoli Pedro Lopez, Diego de Siole e Diego de Vergara. La chiesa venne poi inaugurata nel 1588 ma dati i tempi molto lenti della sua costruzione, quest’ultima si protrasse sino al 1680 anno in cui un violento sisma la danneggiò.

A livello architettonico, la Cattedrale di Malaga si presenta con un’imponente facciata suddivisa da due ordini di colonne, a livello inferiore corinzio mentre a livello superiore composito. La facciata è accompagnata da due torri campanarie di cui solamente una è stata compiuta e misura un’altezza di 84 metri.

Internamente la chiesa si snoda in 3 navate fiancheggiate da cappelle; le volte sono poggiate su pilastri con colonne di stile corinzio. Di grande rilevanza stilistica è il coro, monumentale e prestigioso e il vestibolo.

malaga-cattedrale
La Cattedrale di Malaga, simbolo della città andalusa

Museo Picasso

Il Museo Picasso di Malaga è uno dei musei più importanti e visitati della città andalusa. All’interno del museo dedicato al Maestro pittorico spagnolo Pablo Picasso, si possono ammirare ben 200 opere esposte in mostra permanente dell’artista. Il Museo Picasso venne inaugurato nell’ottobre del 2003 nel Palacio de Buena Vista della città e rappresenta una delle più accattivanti attrazioni di Malaga.

Nel 1996, l’istituzione di autogoverno della comunità autonoma dell’Andalusia, comprò il Palazzo dei conti di Buenavista e lo tramutò nell’attuale Museo Picasso. Nell’ottobre dell’anno successivo, il 1997, fu creata la Fondazione Museo Picasso a sfondo privato e culturale grazie alla quale i fortunati eredi dell’artista spagnolo, Bernard Ruiz Picasso e Christine Ruiz Picasso, donarono ben 155 opere del pittore.

La giunta si impegnò ad esporre questo magnificente patrimonio artistico nel Palazzo dei conti di Buenavista per ben 50 anni. Attualmente il Museo Picasso resta il secondo museo più visitato dell’Andalusia (dopo quello di Ronda) con una stima di 342.824 visitatori.

malaga-museo-picasso
Il cortile interno del Museo Picasso di Malaga, Andalusia

Fortezza dell’Alcazaba

La Fortezza dell’Alcazaba è una splendida fortezza del periodo musulmano situata ai piedi del monte Gibralfaro a Malaga, Andalusia. All’acme del monte Gibralfaro si trova l’omonimo castello collegato alla fortezza tramite un passaggio nel monte. La Fortezza dell’Alcazaba venne costruita su volontà del re delle taifa berbere di Granada, Badis ben Habús, tra il 1057 ed il 1063 sfruttando l’utilizzo delle statue e dei marmi del teatro romano situato nei suoi pressi.

Alcuni studiosi sostengono però che non si trattò di una vera costruzione, quanto piuttosto un lavoro di restauro di pre esistenti mura di cinta di origine fenicio-punica. La Fortezza dell’Alcazaba è una struttura dell’XI secolo edificata su una roccia, si tratta di una costruzione militare di rara bellezza ed è considerata la più importante opera musulmana dell’intera Spagna. Per arrivare alla parte più alta della fortezza dove risiedeva il sindaco della città, era necessario attraversare 3 mura concentriche e ben 8 porte fortificate. Al fine di rendere la struttura ancor più a carattere difensivo, vi erano torri albarrane con feritoie.

Per quel che riguarda la zona di ingresso, dopo aver bypassato la porta principale e la porta delle Colonne, si deve proseguire sino all’Arco di Cristo al quale si giunge dopo una lunga scalinata. Dinnanzi alla porta di uscita dell’Arco di Cristo, si trovavano resti di mura romane. L’ingresso alle ultime mura di cinta avviene tramite la Porta degli Archi e la Torre del Tinel. Al centro delle mura superiori si ammirano le “Stanze di Granada” dove abitavano i governatori ed i re; nella parte più ad est delle ultime mura, infine, si trovano le rovine di un quartiere di case piccole composto da 3 blocchi di edifici.

malaga-fortezza-dell'-alcazaba
La Fortezza dell’Alcazaba di Malaga, Andalusia

Museo di Malaga

Il Museo di Malaga è un complesso museale che include il Museo delle Belle Arti di Malaga ed il Museo Archeologico Provinciale di Malaga. Nel suo insieme il Museo di Malaga, custodisce ben 2.000 opere di artisti del calibro di Giordano, Velazquez, Ribera, Goya e molti altri. Il Museo delle Belle Arti di Malaga venne inaugurato nell’agosto del 1916 all’interno di un edificio che, qualche anno dopo, nel 1920, venne venduto alla Teresiana con il conseguente rischio di essere senza installazione locale. Alla fine il Consiglio decise che il Museo venisse installato nell’edificio dell’Accademia.

Il Museo Archeologico Provinciale di Malaga fu creato per decreto nel 1947 e venne inaugurato nel 1949. Al suo interno sono esposti oggetti provenienti da differenti siti classici dell’Archeologia Provinciale che vanno dalla preistoria al periodo islamico; sono conservati altresì oggetti fenici di grande fascino ed interesse. Il complesso museale di Malaga resta uno dei più grandi tesori della città andalusa.

malaga-museo-di-malaga
Il Museo di Malaga, a Malaga, Andalusia