Se avete deciso di trascorrere la vostra prossima vacanza o il prossimo week end nella capitale della Spagna, prima di giungere a questa conclusione vi sarete chiesti certamente cosa vedere a Madrid. Un buon turista, che ha a cuore il proprio viaggio, risponde al quesito precedente facendo delle ricerche approfondite sui luoghi, monumenti, piazze ed attrazioni varie che è possibile visitare una volta giunti nel suggestivo suolo madrileno.

Subito dopo le ricerche, vi consigliamo di redigere un itinerario personalizzato nel quale dovrete inserire tutti quei luoghi che non volete perdervi per nessun motivo. Vi suggeriamo, inoltre, di dare una priorità ai vari punti del vostro programma, in modo da essere certi di aver visitato le cose più importanti prima di dedicare tempo prezioso a quelle meno popolari ma che rivestono pur sempre un interesse notevole. Ovviamente, il numero di tappe da inserire nella vostra lista è strettamente correlato al numero di giorni che dedicherete alla visita di Madrid, che potrebbe essere un week end di tre giorni, una settimana oppure un periodo decisamente più lungo, durante il quale scoprire ogni dettaglio della vita madrilena.

Palazzo-Reale-di-Madrid
Uno scorcio dei bellissimi Giardini del Campo Moro nei pressi del Palazzo Reale di Madrid

Il periodo migliore per visitare Madrid

Oltre a chiedervi cosa vedere a Madrid, vi sarete già chiesti in quale periodo sia consigliabile visitare la città sulla base delle condizioni meteo, in modo da trascorrere una vacanza piacevole con temperature gradevoli. La stagione primaverile presenta senza alcun dubbio le condizioni climatiche migliori per visitare la città, che troverete immersa nel suo massimo splendore, tra i cieli limpidi e rigogliosi giardini, traboccanti di colori e odori.

Sarebbe bene che, durante il vostro tour alla scoperta della Plaza Mayor, del Palazzo Reale o della Catedral Santa Marìa la Real de la Almudena, portaste con voi un ombrello oppure un impermeabile, che vi saranno utili in caso di piogge improvvise. Vi consigliamo inoltre di vestirvi a strati per far fronte alle variazioni repentine di temperatura.

Come raggiungere Madrid

Dopo aver scelto il periodo in cui partire, dovrete scegliere il mezzo con cui raggiungere la capitale spagnola. Non è un mistero che l’aereo è il mezzo più rapido e più comodo, con centinaia di voli che giornalmente partono dai principali aeroporti italiani alla volta dell’aeroporto di Madrid, altrimenti noto come aeroporto Adolfo Suárez Madrid-Barajas, che si trova  nel pieno centro della Spagna, posizione strategica per un terminal di queste dimensioni, e dista appena 12 km dal centro madrileno.

Si tratta dell’aeroporto più trafficato di tutta la Spagna, utilizzato anche come base di collegamento intercontinentale, in modo particolare fra Europa ed America Latina. L’aeroporto di Madrid registra, infatti, ogni anno la presenza di circa 50 milioni di passeggeri, dato che gli garantisce l’undicesimo posto fra gli scali mondiali ed il quinto nella classifica europea.

Aeroporto-di-Madrid
L’ingresso dell’aeroporto di Madrid

Raggiungere Madrid in aereo

Fra le varie compagnie che effettuano voli per Madrid possiamo ricordare la Alitalia, Air Berlin, Air France, British Airways, Czech Airlines, Egypt Air, KLM, United Airlines ed anche le compagnie di voli low cost come la EasyJet, la Ryanair, la GermanWings e la Wizz Air.

In particolare, con riferimento ai voli low cost, gli aeroporti italiani da cui partono voli low cost Ryanair per Madrid sono Milano, Alghero, Roma, Cagliari, Catania, Bologna e Palermo, mentre la EasyJet collega le città di Milano, Roma, Venezia, Bologna e Napoli con la capitale spagnola.

In molti casi è possibile effettuare la prenotazione online dei biglietti con una procedura molto semplice ed utilizzando le modalità di pagamento  più comuni come le varie carte di credito, il bonifico bancario, le Postepay oppure il conto Paypal. Inoltre, per risparmiare tempo in aeroporto, potrete effettuare il check-in online, grazie al quale potrete stampare pure le carte d’imbarco ed evitare code allo scalo.

Per essere certi di aver scelto il biglietto meno caro potreste affidarvi ai moderni comparatori di prezzo, degli efficienti portali sul web che confrontano tutte le compagnie che raggiungono l’aeroporto di Madrid, mostrando in qualche secondo il miglior risultato. A tal proposito vogliamo anche suggerirvi di scaricare l’app Skyscanner disponibile per smartphone Android ed iPhone, con la quale potrete effettuare le ricerche dei vostri voli low cost per Madrid on-the-go.

Raggiungere Madrid in treno

I treni per Madrid costituiscono una valida alternativa agli aerei dedicata a chi vuole raggiungere la splendida capitale della Spagna con un viaggio lungo ma allo stesso tempo entusiasmante, attraversando paesaggi suggestivi e riposando nei comodi vagoni letto. Bisogna però sapere che non esistono treni per Madrid diretti con partenza dalle stazioni italiane.

La città di Madrid è servita da quattro stazioni ferroviarie agibili, anche se una viene usata soltanto come stazione di cambio: la stazione di Madrid Puerta de Atocha, la stazione di Chamartin, la stazione di Aluche e la stazione di Puerta del Sol.

La metropolitana di Madrid

Il mezzo più rapido, comodo, efficiente e sicuro per muoversi nella capitale spagnola è rappresentato dalla metropolitana di Madrid, che è costituita da ben 12 linee della cosiddetta Metro e da 3 linee della metropolitana leggera, nota ai los gatos come Metro Ligero. La quasi totalità delle linee della metropolitana di Madrid sono sviluppate sotto terra, con un tracciato che riesce a superare i 290 km di linee ferrate, lungo le quali sono state costruite nel corso di questi anni ben 300 stazioni.

La metropolitana di Madrid è organizzata, sulla base del modello londinese, in 6 zone che prevedono diversi costi dei ticket da acquistare per il viaggio, ed accoglie cittadini e turisti a partire dalle prime luci dell’alba, ovvero intorno alle 6.00, sino a notte inoltrata, intorno all’01:30. Esistono, inoltre, alcune restrizioni per quanto riguarda le biciclette che possono viaggiare solo in alcune fasce orarie (quelle con minor afflusso di passeggeri).

metropolitana-di-madrid
L’insegna della Metro di Madrid

Dove dormire a Madrid

Probabilmente, vi starete anche chiedendo dove dormire a Madrid. La risposta al quesito è davvero semplice: potrete scegliere fra diverse soluzioni alberghiere, bed and breakfast o pensioni a gestione familiare. Se volete qualche consiglio, possiamo citarvi l’Hotel High Tech Avenida Callao, l’Adler Hotel, il Ritz Hotel, l’Hotel Santander ed altri ancora, oppure leggete l’articolo sugli hotel a Madrid.

Una valida alternativa è quella costituita dagli appartamenti a Madrid destinati ad uso turistico, soluzione che permette di conciliare libertà, spazio ed un certo risparmio. Per trovare un appartamento a Madrid potrete rivolgervi ai portali Friendly Rentals, Home Away, Apartmenst Apart, Only apartments ed ApartamentosMadrid, le cui informazioni dettagliate le trovate nell’articolo sugli appartamenti a Madrid.

Le attrazioni ed i monumenti di Madrid

A questo punto non ci resta che consigliarvi alcuni dei luoghi e dei monumenti di Madrid più importanti, riportandovi anche una breve descrizione.

Il Palazzo Reale

Quello che gli spagnoli sono soliti chiamare come il Palacio Real, rappresenta ancora oggi una residenza della famiglia reale spagnola anche se in realtà viene aperta solo in occasione delle cerimonie ufficiali. Infatti, la residenza reale ha luogo nel Palazzo della Zarzuela.

Il Palazzo Reale si presenta dall’esterno con una struttura decisamente compatta, con linee stilistiche priva di fronzoli, con riferimenti architettonici che vanno dal barocco al neoclassico. La pianta dell’edificio è quadrata e vede la presenza di un cortile centrale, raggiungibile dalla porta del Principe, posta sul lato orientale.

Si può arrivare al Palazzo Reale di Madrid salendo su una delle seguenti linee di autobus: 3, 25, 39 e 148. In alternativa, potrete fruire della rete metropolitana di Madrid, prendendo la linea 5 o la 2 e scendendo alla stazione Ópera.

Palazzo-Reale-di-Madrid
Il prospetto principale del Palazzo Reale di Madrid

La Plaza Mayor

La Plaza Mayor è uno dei luoghi più apprezzati dai cittadini e dai turisti, un must per chi visita questa capitale accogliente. Si presenta con una veste alquanto scenografica, grazie ai numerosi palazzi a tre piani che la circondano (con i loro 237 balconi) ed i numerosi tavoli di bar e ristoranti, dove è possibile assaporare alcune delle specialità della cucina tipica spagnola.

La realizzazione della Plaza Mayor è stata fortemente voluta dal re Filippo III, del quale si può ancora oggi ammirare una statua equestre in bronzo realizzata in suo onore e posta al centro della piazza nel 1848. Una volta terminata la Plaza Mayor, insieme alla Palazzo Reale ed alla Basilica di San Francesco il Grande, è divenuta il fulcro della vita madrilena.

Questa imperdibile piazza è ubicata al centro di quella che viene definita Madrid Asburgica. Se vi trovate nei pressi della Puerta del Sol, potrete raggiungere la Plaza mayor con una breve passeggiata a piedi. In alternativa, è possibile salire a bordo delle linee 1, 2, 3 e 5, con fermata Puerta del Sol, oppure sulla linea 2 e 5 della metro, scendendo alla fermata Opera.

Plaza-Mayor-di-Madrid
Una vista della Plaza Mayor

Museo del Prado

Le origini del museo risalgono a Carlo III il quale ordinò la costruzione di un edificio al fine di ospitare degli istituti scientifici, un’accademia scientifica (sita al piano terra) ed un museo di storia naturale (che invece trova spazio al primo piano). La costruzione di questo edificio, che oggi ospita il Museo del Prado (noto anche come Museo Nacional del Prado), venne affidata all’abile architetto Juan de Villanueva.

Il Museo del Prado, oltre ad opere di scultura e pittura, vanta numerose collezioni di monete, medaglie, disegni, incisioni ed altro ancora, al punto tale da esigere un aumento della sua superficie che si ottenne con gli ampliamenti del 2007, ad opera dell’architetto spagnolo Rafael Moneo con ulteriori 4 sale, un auditorium, la chiesa dei Jeronimos ed un vestibolo atto ad accogliere i visitatori.

Il museo può essere facilmente raggiunto con la linea 2 della metropolitana, scendendo alla fermata Banco de Espana o con la linea 1, fermata Atocha. In alternativa, è possibile salire a bordo di una delle seguenti linee di autobus: 9, 10, 14, 19, 27, 34, 37 e 45.

museo-del-prado
L’ingresso principale del Museo del Prado di Madrid

La Cattedrale Almudena

Anche se le prime testimonianze legate alla volontà di voler costruire una Cattedrale a Madrid risalgono al 1567, con un documento in cui si rivela la necessità di erigere un luogo di culto per la comunità madrilena, il progetto della Catedral Santa Marìa la Real de la Almudena si deve a Filippo IV, spinto anche dal desiderio della moglie di vedere sorgere a Madrid una cattedrale nello stesso luogo dove un tempo si trovava la Chiesa di santa Maria de la Almudena, una sorta di omaggio alla Madonna che le aveva dato la grazia del figlio che portava in grembo.

I lavori però ebbero inizio 3 secoli dopo, nel 1883, e la cattedrale fu completata nel 1983. La lunga durata dei lavori ha fatto sì che questo edificio presenti un mix di stili, che nel loro insieme, la rendono affascinante e preziosa.

Si può arrivare in questo luogo con le linee 2 e 5 della metropolitata di Madrid, che si fermano alla stazione Opera. In alternativa, si può salire sulle linee 3 e 148 degli autobus, che fanno capolinea proprio nell’intersezione fra la Calle Bailén e la Calle Mayor.

Cattedrale-Almudena
La Cattedrale Almudena di Madrid

Il museo di Reina Sofia

La visita al museo Reina Sofia costituisce una tappa che non dovete assolutamente perdervi se amate l’arte e le sue varie sfaccettature assunte negli anni del Novecento. Un tour indimenticabile che vi porterà alla scoperta di capolavori e di grandi nomi come quello di Picasso. Si tratta di un museo di arte moderna e contemporanea, dedicata a tutta la produzione artistica dal Novecento fino ad oggi.

Cosa mangiare a Madrid

Mangiare a Madrid è il giusto modo per vivere a fondo la vostra esperienza nella capitale spagnola, con un mix di sapori coinvolgenti che regaleranno al vostro palato sensazioni inaspettate. Potrete mangiare Tapas y Cerveza a volontà e cioè calamares fritos, patata bravs, carne mechada, chopitos, crocchette, bacalao, boquerones ed altro ancora.

Molto apprezzato anche il Cocido madrileno fatto di ceci, carne (soprattutto manzo), verdure e salsiccia. Il tipico cocido è una prelibatezza da assaporare per tappe, così come vuole la tradizione, i cosiddetti tres vuelcos. Se volete provare sapori forti, allora l’Huevos estrellados fa al caso vostro. Si tratta di uova fritte in olio di oliva e servite con patate (ad esempio a dadini, a fette o con patatine fritte) ed affettati come prosciutto o pancetta, oppure salsiccia. Il gusto non mancherà di sicuro, ma non parliamo certo di un piatto light, così come non lo è la Oreja a la plancha.

Mangiare-a-Madrid
Un locale dove gustare le tapas

I locali notturni di Madrid

L’intrattenimento a Madrid di sera si diversifica notevolmente a seconda delle zone e dei quartieri in cui vi recate. Le aree più raffinate si trovano nel quartiere Salamanca, mentre chi ama uno stile più giovanile deve aggirarsi nel quartiere di Malasana, dove si trovano molti locali con un sound rock e pop. Le discoteche più rinomate della città, invece, si trovano nei pressi della Gran Via e del quartiere Sol. Fra i quartieri più popolati a Madrid di sera, dobbiamo ricordare il Chueca, nota per essere il fulcro gay della capitale spagnola. La zona è ricca di locali, quasi sempre affollati, dove si possono trovare ragazzi e ragazze di ogni stile e cultura.

Se desiderate alcuni consigli sui locali più cool della movida madrilena, potrete leggere l’articolo relativo alla visita notturna di Madrid.