Grosseto è il capoluogo di provincia più a sud della regione Toscana, si estende su una superficie di circa 473,55 kmq e conta una popolazione di circa 82000 abitanti. Si tratta di una città murata come Ferrara, Bergamo e Lucca, dove queste sono rimaste praticamente illese dalla loro costruzione.

Questo dona alla città un aspetto senza tempo, con un fascino decisamente molto particolare. Si trova a circa 12 km dal mare, adagiato su una pianura di origine alluvionale che prende il nome di Maremma grossetana, dove si congiunge con la valle dell’Ombrone.

Cenni storici

Nell’età antica Grosseto è stata sicuramente abitata come è ben testimoniato dalla presenza di tracce preistoriche in alcune caverne. La città non è mai stata un grandissimo polo fino all’arrivo dei romani che la usarono come una sorta di municipio militare, sfruttandolo come zona tattica per il rifornimento di legname e grano assieme alla più florida e ricca Roselle.

Dopo la seconda guerra punica vide un grande momento di splendore e rinascita con importanti costruzioni come il foro, la basilica, l’anfiteatro e le terme. Nel V secolo divenne sede vescovile. Data la decadenza di Roselle, la città di Grosseto assunse un’importanza cruciale sia a livello commerciale che a livello militare. Venne fortificata per renderla più sicura e divenne la roccaforte della famiglia Aldobrandeschi.

L’arrivo dei Medici, con la pace di Cateu-Cambresis, sancì il passaggio definitivo della città al granducato di Toscana. Successivamente la città passo in mano ai francesi e di nuovo al granducato di Toscana fino all’accorpamento nel Regno d’Italia.

Guida di Grosseto
Palazzo Aldobrandeschi in Grosseto

Luoghi di interesse

La città di Grosseto, così come tutte le altre città toscane, è ricca di scorci di interesse storico, artistico ed architettonico, il cui tour vi terrà impegnati per diversi giorni. Ecco quelli che vi consigliamo di non perdere.

Chiese

Sicuramente molte di piccola fattura ma di grande testimonianza artistica, la più importante è la Cattedrale di San Lorenzo. Più semplicemente conosciuto come il Duomo di Grosseto, la sua struttura gotica e le sue decorazioni sono di grande pregio e di notevole fattura. Si allinea con tutte le altre strutture in toscana nel periodo loreno. Le altre chiesette della città sono disseminate nel centro storico e sono di particolare interesse come quella dedicata a San Pietro e quella a San Francesco. Di importante fattura sono le numerose architetture civili disseminate per la città.

Edifici civili

In primis spicca il Palazzo Aldobrandeschi, noto anche come palazzo della provincia, di chiaro stampo neogotico. Anche il palazzo comunale, che ospita la giunta e situato in Piazza del Duomo, ha una grande impronta artistica, ma qui è decisamente più neoclassica.

Da notare la presenza di molti altri palazzi in diversi stili, da quello gotico a quello neo classico, al liberty come il Genio Civile fino a quello più imponente e freddo fascista come suggerisce il palazzo delle Poste e Telegrafi.

duomo di Grosseto
Duomo di Grosseto

Vi è poi una grandissima presenza di torri d’avvistamento sparse lungo il perimetro della zona esterna alle mura della città. Queste erano tutte destinate alla sorveglianza della città e delle riserve di sale di proprietà della reggenza del tempo.

Il Cassero del sale

Notevole è la struttura conosciuta come Cassero Del Sale situata in piazza del sale. Ristrutturato più volte, era destinato alla raccolta del sale in passato. Luogo di grande interesse cittadino in quanto unico punto di raccolta di questo elemento per la conservazione del cibo.

Fattorie e ville

Nella parte esterna delle Mura di Grosseto, anche esse un splendido esempio di architettura militare lorena: vi si trovano, infatti, numerose fattorie e ville che in passato servivano all’approvvigionamento del grano e della legna per le varie campagne militari e per l’allevamento del bestiame. Da ricordare la Fattoria di Barbanella, conosciuta anche come villa Ricasoli, o la fattoria Grancia.

Bastione Delle Mura
Bastione Delle Mura

Piazza Dante e Corso Carducci

Di grande interesse è la piazza Dante Alighieri, data la sua doppia identità come piazza della catene. La strada principale è quella di corso Carducci che porta alla piazza principale e si snoda in altre piccole vie che raccolgono la vita del centro di questa città.

Aree Naturali e i Terzeri

I più importanti sono il parco archeologico di Roselle e il parco naturale della Maremma. E’ da ricordare che la città era suddivisa in Terzeri conosciuti come Terzero di Città, San Giorgio e San Pietro.

Parco Naturale della Maremma
Parco Naturale della Maremma