La Fortezza di Pietro e Paolo è una cittadella di San Pietroburgo costruita, a partire dal 1703, dall’architetto italiano Domenico Trezzini, che fu commissionato in questa grande opera dallo zar Pietro I il Grande. Ciò che la rende un’opera irrinunciabile se visitate la città russa è l’enorme numero di monumenti da visitare, una volta che sarete sbarcati sull’Isola delle Lepri, sulla quale la Fortezza di Pietro e Paolo è situata.

Cenni storici

La Fortezza di Pietro e Paolo nasce come cittadella strategica durante la Grande Guerra del Nord, che durò dal 1700 al 1721. Come detto, l’opera fu commissionata da Pietro il Grande a Domenico Trezzini, e avrebbe dovuto contenere una grande cattedrale, all’interno della quale avrebbero dovuto essere sepolti lo zar e i suoi discendenti; dalla cittadella, sarebbe dovuta sorgere la città che sarebbe diventata la capitale dell’Impero Russo: San Pietroburgo, appunto.

Su questa piccola isoletta – l’Isola delle Lepri – Pietro stabilì la sua corte, il tesoro reale, il tribunale e le prigioni (il bastione Trubeckoj), dentro le quali venne detenuto il figlio stesso dello zar, accusato di tradimento e morto per le torture ricevute.

Fortezza di Pietro e Paolo a San Pietroburgo     Uno scorcio della Fortezza di Pietro e Paolo a San Pietroburgo
La facciata della Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo

Sono sei le porte di accesso alla fortezza, ognuna delle quali è dedicata a personaggi e famiglie importanti dell’inizio del ‘700: la porta Vasil’evskij, la Nevskij, la Iannovskij, la Kronverskij, la Nikol’skij e la Petrovskij. Nel 1917, i soldati ammutinati del reggimento Pavlovskij attaccarono la fortezza e liberarono tutti i detenuti, e nello stesso anno (che, ricordiamolo, è l’anno della cosiddetta Rivoluzione d’Ottobre) qui furono imprigionati gli ufficiali zaristi che furono deposti, per proteggerli dal linciaggio della folla; e in effetti, la Fortezza di Pietro e Paolo fu uno degli edifici simbolicamente e concretamente più importanti durante la Rivoluzione Russa, essendo teatro di numerosi scontri tra bolscevichi e forze governative. Già dal 1924, molti degli edifici della fortezza vennero convertiti in muse0, l’attuale Museo Storico di San Pietroburgo; gli stessi edifici subirono alcuni danni durante la Seconda Guerra Mondiale, e il restauro degli stessi prosegue ancora oggi.

Cosa vedere

Da un punto di vista artistico, l’attrazione principale dell’isola è la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, costruita dal Trezzini tra il 1712 e il 1733, e rappresenta la prima chiesa in pietra della città. Caratteristica esterna principale è la guglia dorata, che raggiunge l’altezza di 122,5 metri; benché sia un polo museale dal 1924, nel 2000 la cattedrale ha ripreso le sue funzioni religiose, e ospita inoltre le tombe di quasi tutti gli zar da Pietro il Grande a Nicola II.

Fortezza di Pietro e Paolo a San Pietroburgo
Il Mausoleo dei Granduchi

Un altro edificio importante è il mausoleo dei Granduchi, costruito sotto la supervisione di Leon Benois tra il 1896 e il 1908, costruito per custodire i resti di alcuni esponenti dei Romanov, dato che lo spazio nella cattedrale era pieno: gli ultimi corpi qui collocati, sono quelli del granduca Cyril Vladimirovich e di sua moglie Viktoria Fyodorovna, zii dello zar Nicola II, qui trasferiti nel 1995.

Altri edifici di un certo rilievo sono il già citato bastione Trubeckoj, ancora oggi visitabile, e il Museo Storico, che è distribuito all’interno dei palazzi della fortezza. Dal bastione Naryshkin, ogni giorno a mezzogiorno viene inoltre sparato un colpo di cannone, come da tradizione. Infine, se ancora non vi bastasse, vi consigliamo di visitare le meravigliose spiagge su cui affacciano le mura della fortezza, tra le più importanti di San Pietroburgo.

Fortezza di Pietro e Paolo a San Pietroburgo
Uno scorcio della Fortezza di Pietro e Paolo a San Pietroburgo

Come arrivare

A piedi

Dalla stazione ferroviaria Ladozhsky, la Fortezza di Pietro e Paolo dista circa 3 chilometri. Una volta usciti dalla stazione, imboccate sulla sinistra Gorokhovaya St. e, prima di attraversare il canale Griboyedova, girate sulla vostra destra per il Griboyedov Canal Embankment, e continuate sempre dritto, seguendo la strada e tenendovi sulla vostra sinistra il canale; proseguite ancora, lasciandovi sulla vostra sinistra la Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato, e attraversate il fiume Moika, fino a trovarvi su Marsovo Pole; proseguite per poco meno di 400 metri, e girate a destra quando incrociate Millionnaya St., per poi girare sull’attraversamento pedonale e subito sulla destra, ancora in Millionnaya St.; arrivati all’incrocio con Suvorovskaya pl., girate a sinistra e proseguite su Troitskiy most, col quale attraverserete il Neva; tenetevi, quindi, il mare sulla vostra sinistra e, all’incrocio con ter. Petropavlovskaya Krepost’, girate alla vostra sinistra, arrivando così all’Isola delle Lepri, dove è situata la Fortezza di Pietro e Paolo. Tempo di percorrenza: 40 minuti circa.

In bus

La fermata dell’autobus più vicina è quella del Prospekt Dobrolyubova, servito dalle linee 10 e 191; una volta scesi dalla fermata, girate a sinistra su pr. Dobrolyubova per poi, dopo un centinaio di metri, girare a destra e poi subito a sinistra su Kronverkskaya nab.; troverete, quindi, sulla vostra destra, il ponte Kronverkskiy, attraversato il quale vi troverete sul lato ovest dell’Isola delle Lepri, dove è situata la Fortezza di Pietro e Paolo.

Contatti e informazioni utili

Sito web: http://www.spbmuseum.ru/
Telefono: +7 812 230 64 31