Il duomo di Bolzano, situato sul lato sud-ovest di Piazza Walther Von Der Vogelweide, è la chiesa più importante di Bolzano; dedicato a Santa Maria Assunta -e per questo motivo chiamato in tedesco Dom Maria Himmelfahrt– è la concattedrale della diocesi di Bolzano-Bressanone.

L’edificio attuale, in cui architettura ed arte romanica e gotica si fondono andando a creare quello che è il vero fiore all’occhiello di Bolzano, sorge su tre precedenti costruzioni, i resti delle quali sono stati portati alla luce solamente dalle opere di restauro dell’autunno del 1948, resesi necessarie a seguito dei gravi danni subiti dal duomo durante i bombardamenti del secondo conflitto mondiale, nel 1944.

Cenni storici

Una prima basilica paleocristiana a pianta rettangolare – le cui fondamenta sono oggi visibili all’interno del duomo di Bolzano – fu costruita nel IV secolo d.C. ed era probabilmente dedicata a San Virgilio; una lapide del III secolo rivenuta nei pressi dell’attuale duomo e intitolata a Secundus Regontius – il primo abitante di Bolzano di cui ci è noto il nome – testimonia inoltre l’esistenza di un sepolcreto che sorgeva accanto alla basilica.

Dopo un primo restauro avvenuto tra il VI e il VII secolo, la costruzione paleocristiana venne sostituita da una nuova chiesa altomedievale, edificata nell’VIII secolo molto probabilmente in seguito alle invasioni barbariche e all’insediamento nel paese di una nuova popolazione bolzanina.

Duomo di Bolzano
Il Duomo di Bolzano

Risalgono invece all’XI-XII secolo i resti di una basilica medievale caratterizzata da una pianta rettangolare divisa in due navate asimmetriche da un’unica fila di colonne e dotata di una grossa torre dotata di muri molto spessi che dovevano servire per proteggerla dalle grosse esondazioni del vicino fiume Isarco.

Alcuni resti dello stile romanico da cui era caratterizzata la costruzione medievale sono ancora oggi visibili nella facciata, dove accanto al rosone gotico si possono vedere due finestre con archi a tutto sesto, elementi tipici di questo stile architettonico.

Il duomo di Bolzano che possiamo ammirare oggi, invece, è la chiesa tardogotica che fu edificata tra il XV e il XVI secolo; a questo periodo sono da attribuire splendide aggiunte, come il campanile – alto 65 metri e terminato nel 1517 – e il pulpito tardogotico in arenaria, decorato con rilievi raffiguranti i padri della chiesa con i simboli dei quattro evangelisti, gravemente danneggiato durante i bombardamenti alleati del ’43 e ricostruito nel ’49.

duomo-bolzano
L’interno del Duomo di Bolzano

Descrizione

All’esterno del duomo di Bolzano il tetto verde-oro e il campanile filigranato ornato con finestre a ogiva e archi romanici dallo scalpellino Hans von Schussenried di origine sveva – ai piedi del quale si trova il museo del Tesoro del duomo di Bolzano – attirano subito l’attenzione del visitatore, che può poi ammirare anche la Porticina del vino, un elegante portale gotico decorato con diverse statue.

Sotto il campanile si trova invece un affresco Quattrocentesco attribuito agli allievi di Giotto, nel quale viene raffigurato un pellegrino di ritorno da Santiago di Compostela che giace a terra colpito da una campana.

Ma è all’interno del duomo che l’arte gotica d’impronta nordica e l’arte rinascimentale degli affreschi che decorano le pareti si incontrano: datati tutti nel decennio tra il 1360 e il 1370 e opere della scuola di Giotto, un tempo ricoprivano interamente le pareti.

Dietro un baroccheggiante altare maggiore si trova, infine, una delle prime ‘madonne lactans’ dell’arte, mentre un’altra rappresentazione della madonna è una pietà realizzata dallo scultore austriaco Hans von Judenburg nel 1424.

Duomo di Bolzano
Uno scorcio del Duomo di Bolzano

Come arrivare

A piedi

Per raggiungere il duomo di Bolzano a piedi dalla stazione ferroviaria della città ci si impiega solamente 5 minuti. Dal piazzale della stazione procedete verso ovest, imboccate Viale della Stazione e proseguite per circa 250 metri fino a svoltare a destra in Via Alto Adige; da qui dopo circa 100 metri svoltate a sinistra e vi troverete in Piazza Walther.

In auto

Da Viale della Stazione raggiungete la rotonda e uscite in Via Laurino; seguite Via Laurino per poco più di 200 metri, svoltate a sinistra in Via della Rena e vi troverete in Piazza Walther.

Orari e prezzi

Il duomo di Bolzano è visitabile dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle ore 14.00 alle 17.00. Il museo del Tesoro del duomo di Bolzano, invece, rimane aperto dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 12.00 e l’ingresso è gratuito per i bambini fino a 7 anni, mentre per gli adulti il costo del biglietto è di 4,00€.

Contatti

Tel.: 0471-978676
Indirizzo: Piazza Walther von Der Vogelweide, 39100 Bolzano