A Caltanissetta, precisamente in Piazza Garibaldi, ovvero nel cuore pulsante della città, sorge la Chiesa di San Sebastiano il cui impianto originario risale al XVI secolo.

Su questa piazza un tempo sorgevano anche le chiese di San Paolino, di San Giacomo e del Carmine che ricoprivano lo spazio dove si trova il Palazzo Comunale.

chiesa-san-sebastiano-caltanissetta-3
In primo piano uno dei mostri della fontana della Chiesa di San Sebastiano

Cenni storici

La chiesa di San Sebastiano è stata edificata per voto del popolo per ringraziare il Santo di aver liberato la città dalla peste che la affliggeva nel Cinquecento. Da un atto notarile del 1664 si evince che all’epoca la chiesa era “diruta e minacciava rovina” tant’è che fu autorizzata da parte dei giurati la sua demolizione e diedero 40 “onze” per la sua ricostruzione nel medesimo sito.

Nel 1829 la Chiesa di San Sebastiano fu vittima di un furto, privata quindi di tutti gli argenti e della pisside la quale conteneva le sacre particole. Quando la pisside fu ritrovata, l’evento fu celebrato maestosamente con il suono di tutte le campane della città e accompagnato da grandi feste.

Diversi anni dopo esattamente nel 1874 la sagrestia venne ampliata e quattro anni dopo il tempio fu restaurato seguendo il disegno dell’architetto-ingegnere Alfonso Barbera. Le restaurazioni effettuate consistettero nel sostituire gli stucchi barocchi ed ampollosi con stucchi di stile classico; gli altari affiancati dalle lesene di ordine ionico ed una pavimentazione raffinata completarono l’intervento conclusosi nel 1879.

Chiesa-di-San-Sebastiano-Caltanissetta
Particolare del Campanile di San Sebastiano

Descrizione

L’edificio è ad aula unica con volta a botte lunettata. La facciata eclettica della Chiesa fu progettata da Pasquale Saetta, il quale impreziosì la chiesa con colonne appartenenti a tutti e tre gli ordini classici: dorico, ionico e corinzio. Le colonne ioniche sono situate al centro, quelle doriche occupano lo spazio inferiore ed infine quelle corinzie si trovano in cima.

La facciata è altresì abbellita da bifore e da nicchie all’interno delle quali si trovano le statue dello scultore Biancardi rappresentanti San Pietro e Paolo ed infine, nella parte più elevata San Sebastiano trafitto dalle frecce. In origine i colori della facciata erano celeste chiaro e rosso chiaro dai quali era facilmente intuibile la matrice spagnola.

Il portale d’ingresso è sorretto da colonne gemelle, sormontate da un timpano triangolare, che si replicano al secondo ordine, arginato da una finestra bifora che illumina la navata. All’interno è inoltre possibile vedere una statua lignea di San Sebastiano ed un dipinto di Tommaso Pallace, pittore palermitano.

Chiesa-di-San-Sebastiano-Caltanissetta
La Chiesa di San Sebastiano con la veste notturna

Informazioni utili

La Chiesa di San Sebastiano si trova in Piazza Garibaldi, sita esattamente all’incrocio tra Corso Vittorio Emanuele e Corso Umberto I, nel centro storico di Caltanissetta di fronte alla Chiesa di Santa Maria la Nova.

Telefono: 0934 581698