Bucarest è la splendida capitale della Romania, nonché la città più popolosa del paese. Bucarest è indubbiamente una delle capitali europee più festanti e gioiose, si pensi che l’etimologia della parola Bucarest deriva da bucura il cui significato è ‘essere contenti‘.

Questa meravigliosa e suggestiva capitale europea ha un patrimonio architettonico, storico ed artistico davvero ampio e lodevole che la rende meta ogni anno di numerosi turisti. Bucarest vanta infatti ben 37 musei e 22 teatri, una vera regina culturale.

Tra le numerose bellezze offerte da Bucarest si annovera l’Ateneo Romeno. L’Ateneo Romeno della capitale rumena è uno dei teatri più prestigiosi e suggestivi di Bucarest, foriero di fascino e di storia espressa, in parte, nel suo stile squisitamente neoclassico.

Cenni storici e descrittivi

L’Ateneo Romeno è un vero e proprio simbolo della città di Bucarest, la sua principale sala da concerto è un esempio architettonico di grande ed indiscussa bellezza. La storia della nascita dell’Ateneo Romeno è fortemente connessa e collegata all’attività della Società Culturale “l’Ateneo Romeno” che prese forma e vita dopo la seconda metà dell’Ottocento, precisamente nel 1865 grazie alla volontà e al desiderio di personalità sia scientifiche che culturali di creare un tempio dedicato all’arte, alla cultura romena.

Ateneo Romeno di Bucarest
Il monumentale e grandioso Ateneo Romeno di Bucarest

La struttura di questo monumentale Ateneo è il risultato di un progetto figlio dell’architetto francese Albert Galleron e venne edificato su un terreno che fu, nei tempi pregressi, proprietà della ricca e facoltosa famiglia Vacarescu.

La data di inizio di costruzione del colto tempio romeno fu il 1866 e la struttura fu realizzata anche grazie ai fondi donati tramite un’associazione il cui slogan recitava: “Date un soldino per l’Ateneo”. L’inaugurazione dell’Ateneo Romeno avvenne nel 1888 nonostante i lavori che lo vedevano protagonista si siano protratti fino al 1897.

Nel 1992 l’Ateneo rischiò di crollare ma il costruttore, restauratore e pittore romeno Silviu Petrescu, riuscì a salvare la struttura. Lo stile dell’Ateneo Romeno è neoclassico con sfumature e richiami del periodo romantico.

L’edificio è anticipato da un peristilio sotto cui sono siti 5 medaglioni a mosaico che incarnano 5 dei più importanti principi romeni: Alexandru Cel Bun, re Carol I, Neagoe Basarab, Matei Basarab e Vasile Lupu. L’intero edificio è corteggiato dall’abbraccio di un lussureggiante e curato parco in cui si trova la statua del poeta rumeno Mihai Eminescu.

Internamente, al pian terreno, l’Ateneo Romeno presenta un’immensa sala caratterizzata da una platea che conta ben 600 posti e 52 logge. Il punto più bello dell’interno dell’Ateneo è rappresentato dal meraviglioso affresco intorno al tamburo della cupola. Questo affresco è opera di un celebre pittore romeno, Costin Petrescu e raffigura la storia della Romania. Dal 2007 l’Ateneo Romeno è diventato Patrimonio Europeo.

bucarest-ateneo-romeno-2
L’Ateneo Romeno, simbolo culturale di Bucarest

Informazioni utili

Orari di visita:

  • Lunedì: chiuso
  • Da Martedì a Venerdì: dalle ore 12.00 alle ore 19.00
  • Sabato e Domenica: dalle ore 16.00 alle ore 19.00

Per informazioni sui prezzi dei biglietti (variano a seconda del concerto che si svolgerà) è possibile chiamare il numero: +40 21 315 687, oppure inviare una mail al seguente indirizzo: office@fge.org.ro

Contatti

Indirizzo: Strada Benjamin Franklin 1-3 Bucarest, Romania
Telefono: +40 21 315 2567
E-mail: office@fge.org.ro