Aquileia è un piccolo comune italiano della provincia di Udine, in Friuli Venezia Giulia. La città di Aquileia, conosciuta anche come la seconda Roma, fu fondata nel 181 a. C. e divenne una delle maggiori e più ricche città di tutto l’Impero romano.

Fra le altre cose, Aquileia è molto rinomata per la sua area archeologica di eccezionale importanza, considerata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.

Cosa vedere ad Aquileia

In particolare gli scavi hanno portato alla luce i resti di un foro romano e di una basilica, del sepolcreto, di pavimenti in mosaico e fondazioni di case, di statue, di mura, di un porto fluviale, e molti altri reperti di grande interesse, molti dei quali sono attualmente conservati presso il Museo Archeologico Nazionale di Villa Cassis che è uno dei maggiori musei archeologici dell’Italia Settentrionale.

Basilica._Interno
Interno della Basilica

Nonostante la grande valenza storica, fu solo nel XVIII secolo che si cominciò a raccogliere, esporre e studiare i reperti che provenivano dalla “seconda Roma”, portando alla fondazione, nel 1882, del Museo Archeologico Aquileiese e, in epoca molto più tarda, nel 1964 all’inaugurazione  del Museo paleocristiano di Monastero.

Data la grande ricchezza di reperti e la complessità dell’intero sito, il modo migliore per conoscere l’antica Aquileia è muoversi all’interno del paese, facendo tappa ai musei Archeologico e Paleocristiano e alle principali aree di scavo come il Foro o il Porto Fluviale, il Sepolcreto romano, Fondi ex Cossar o il complesso Basilicale.

basilica
Vista panoramica della Basilica

Il Foro è il primo monumento romano che potrete vedere arrivando ad Aquileia; è il luogo più nobile della città romana, fulcro della vita civile e religiosa, per questo venne collocato proprio al centro di essa. Gli scavi  sono ancora in corso, ma sono stati già ritrovati molti elementi architettonici come capitelli e lastre con bassorilievi, che potrete vedere sia presso il  foro stesso che al Museo Archeologico.

Di particolare fascino sono i resti della domus settentrionale, nella quale è visibile un pavimento musivo bianco e nero. Anche l’oratorio della domus, detto del Buon Pastore,  mostra un particolare pavimento musivo con l’immagine, appunto, del Buon Pastore, circondato di animali di tutte le specie.

buon_pastore
Mosaico del Buon Pastore

Il Grande Mausoleo, all’angolo tra via Giulia Augusta e via XXIV Maggio, vi catturerà grazie alla sua mole imponente (è alto 17 metri) e ai particolari che lo compongono, come la pigna, simbolo funerario derivante dai culti misterici di Dioniso e Cibele e l’elegante statua raffigurante l’uomo che commissionò la tomba.

Tra le zone di maggiore interesse, vi segnaliamo il Porto Fluviale che fu di notevole importanza per la città di Aquileia. II porto che potete attualmente vedere risale all’impero di Claudio, si possono ancora notare due grandi banchine in pietra d’Istria che erano lunghe circa 300 metri.

ricostruzione
Ricostruzione della città di Aquileia

Vi consigliamo di includere nel vostro itinerario le Case Romane del fondo COSSAR: si tratta resti di fondazioni di abitazioni patrizie, dai pavimenti musivi bellissimi e molto delicati che, per questo motivo, potrete vedere conservati presso il Museo Archeologico.

Lungo la via XXIV Maggio potrete visitare l’unico sepolcreto aquileiese ritrovato e farvi un’idea di quali fossero le usanze funerarie degli abitanti della città. Il sepolcreto si  trovava fuori dalle mura, infatti le leggi romane vietavano il tumolo dei morti all’interno della città.

Foro_romano_di_Aquileia
Il foro

Aquileia fu anche un grosso emporio commerciale tanto da vantare due piazze dei mercati dove sono stati ritrovati i resti di fondamenta di silos e magazzini; dalle piazze dei mercati, poco più a sud, sono visibili tratti di cinte murarie del III secolo d.C. (la più interna) e del IV.

Come arrivare ad Aquileia

E’ possibile raggiungere la città di Aquileia nei seguenti modi:

  • in auto – autostrada A4 Venezia-Trieste o A23 Treviso Udine uscita Palmanova;
  • in treno – stazione Cervignano del Friuli con servizio autobus per Aquileia;
  • in aereo – aeroporto Ronchi dei Legionari, con servizio autobus per Aquileia; aeroporto di Venezia, con servizio autobus per Aquileia e treno per stazione Cervignano. del Friuli.

Orari area archeologica

L’area archeologica di Aquileia è visitabile tutti i giorni, dalle ore 8.15 alle 18.00. L’ingresso al parco è libero e non prevede l’acquisto di un ticket.

Contatti

Sito Web: http://www.comune.aquileia.ud.it
Email: info@museoarcheo-aquileia.it